Racconti migranti, su Alqamah.it le storie tra violenze, sogni e speranze

Pubblicato: venerdì, 21 dicembre 2018
Vota l\'articolo
2
Vota l\'articolo
0

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Sono storie a cui dare voce, storie di migranti e migrazioni. Di violenze e di soprusi. Ma anche di riscatto e di vittorie. Di sogni e speranze. Sono le storie dei giovani migranti arrivati sulle nostre coste con i cosiddetti “barconi della speranza”. Si tratta di storie che Alqamah.it ha deciso di raccontare con le testimonianze dei protagonisti, in maggioranza minorenni al momento della partenza, che hanno lasciato i loro cari per sfuggire a miseria, guerre, persecuzioni, sofferenze e violenze. Migranti economici o rifugiati, queste sono le storie di chi ha lasciato tutto alle spalle per cercare fortuna in Europa. Hanno affrontato lunghi viaggi nel deserto, attraversato diversi Paesi fino a raggiungere la Libia, nella mani dei trafficanti, poi la traversata del Mediterraneo e l’arrivo in Italia. Sono testimonianze di dolore, di sofferenze nelle carceri libiche, di speranza, ma anche di integrazione. Di lacrime e di sorrisi, ma soprattutto di destini già scritti da cancellare. Racconti che meritano di essere ascoltati, letti e riletti.

Il tema dell’immigrazione è oggi uno dei più discussi e al centro del dibattito politico nazionale ed europeo. Il nuovo decreto sicurezza voluto fortemente dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha creato ansia e paura in molti di loro. Per questo motivo abbiamo deciso di incontrarli, cercando di mettere nero su bianco le loro emozioni, i desideri e anche il dolore per quei terribili momenti. Ma sono anche le storie di chi ce l’ha fatta. Di chi oggi lavora, studia, si è integrato e non rinuncia alla propria libertà. Abbiamo deciso di definirli “Racconti migranti”, interviste che saranno pubblicate periodicamente e che daranno voce ai protagonisti, sopravvissuti alla traversata che oggi vivono nei centri di accoglienza del trapanese e nel palermitano.

Questo è stato possibile grazie ai ragazzi che hanno deciso di fidarsi di un giornalista armato solo di domande, senza chiedere niente in cambio. E grazie anche a chi ha deciso di farsi intervistare solamente perché “aveva bisogno di parlare”.

Ringraziamo inoltre chi si è reso disponibile e ha contribuito alla realizzazione di queste interviste, i responsabili del centri di accoglienza del territorio che hanno aperto le loro porte. Grazie, infine, a chi ha deciso di affidare a noi i propri racconti di vita, spesso dolorosi, ma terribilmente attuali.

La prima storia sarà pubblicata domenica 23 dicembre 2018.

La seconda storia sarà pubblicata domenica 30 dicembre 2018.

La terza storia sarà pubblicata domenica 6 gennaio 2019.

La quarta storia sarà pubblicata domenica 13 gennaio 2019.

La quinta storia sarà pubblicata domenica 20 gennaio 2019.

La sesta storia sarà pubblicata domenica 10 febbraio 2019.

La settima storia sarà pubblicata domenica 17 febbraio 2019.

L'ottava storia sarà pubblicata domenica 17 marzo 2019.

La nona storia sarà pubblicata domenica 24 marzo 2019.

La decima storia sarà pubblicata domenica 2 giugno 2019.

L'undicesima storia sarà pubblicata domenica 9 giugno 2019.

Foto di copertina ANSA.

Letto 1383 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>