Lavori di recupero e manutenzione della Chiesa di Santa Maria del Gesù di Trapani

481

Il Ministero dell’Interno per il tramite del Fondo Edifici di Culto ha provveduto a finanziare, per un importo di 309.024,61 a base d’asta, i lavori di recupero e manutenzione della , di proprietà del Fondo Edifici di Culto.

A seguito di tale disponibilità finanziaria, in data 20 dicembre 2018 la Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Trapani ha consegnato i “Lavori di somma urgenza per la manutenzione straordinaria della copertura della navata centrale “ del predetto immobile ecclesiastico.

Nel corso dell’incontro si è provveduto, alla presenza del Rettore della Chiesa di Santa Maria del Gesù, a redigere un verbale relativo alle opere di proprietà del sacro edificio che, durante i lavori di restauro, saranno custoditi presso la Chiesa di San Pietro di Trapani.

Per garantire la massima sicurezza per la pubblica incolumità, il Prefetto della provincia di Trapani Darco Pellos ha disposto l’effettuazione di verifiche tecniche presso tutte le chiese di proprietà del Fondo Edifici di Culto ubicate nel territorio provinciale; a tal fine è stato costituito un apposito “ Gruppo di lavoro “ coordinato dal Dott. Vito Maurizio La Rocca, Funzionario in servizio presso la Prefettura di Trapani e di cui fanno parte l’Arch. Giuseppe Risalvato – Funzionario D.V.D dei Vigili del Fuoco di Trapani, l’Arch. Vito Vairello – Funzionario presso la Soprintendenza ai BB. CC. AA. di Trapani e la D.ssa Tiziana Internicola Funzionario in servizio presso la Prefettura di Trapani.

Allo stato attuale sono stati effettuati sopralluoghi presso le chiese del F.E.C. insistenti nella Diocesi di Mazara del Vallo e specificamente nei comuni di Mazara del Vallo, Castelvetrano e Salemi; le verifiche proseguiranno con i sacri edifici ubicati anche nei comuni ricompresi nella Diocesi di Trapani.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRacconti migranti, su Alqamah.it le storie tra violenze, sogni e speranze
Articolo successivo“Il mare che -non- vogliamo. Un mondo di plastiche”. Associazioni, scuola, tecnici e musica per salvaguardare la Natura