Castellammare, nuovo audio e streaming per l’aula consiliare. “Era un impegno con la città”

1491

Dopo anni di tentativi finalmente l’aula consiliare ha un nuovo impianto audio e un sistema per le dirette streaming di qualità. Il Comune ha affidato per i prossimi 3 anni il servizio ad una ditta esterna

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Finalmente ci siamo: l’aula consiliare, intitolate recentemente a Piersanti Mattarella, di Castellammare si è dotata di un nuovo impianto audio e di un servizio di streaming innovativo. Dopo anni di annunci, di prove, di tentativi maldestri di “tappare” le enormi falle del vecchio impianto audio analogico  dell’aula consiliare, da pochi giorni l’aula si è dotata di un nuovo impianto che ha migliorato l’acustica dell’aula, oltre al nuovo servizio di streaming delle sedute del Consiglio direttamente sul sito istituzionale del Comune.

Per anni è stato davvero complicato seguire i lavori del Consiglio Comunale, sia per i giornalisti che per i cittadini. Tanti gli annunci e le promesse negli ultimi anni, tanti anche i tentativi da parte dei vari Presidenti del Consiglio Comunale di migliorare l’acustica, con risultati deludenti o poco efficaci. Negli ultimi anni la situazione era peggiorata in maniera significativa. Per questo motivo il Presidente del Consiglio Comunale Mario Di Filippi, che in passato aveva dato la sua parole per una definitiva risoluzione del problema, ha finalmente provveduto ad assegnare ad una ditta esterna il servizio sia per l’impianto audio che per il servizio di streaming. Dopo l’iniziale idea di acquistare l’impianto audio e video per le dirette, con somme già inserite in bilancio, la scelta di affidare il servizio a una ditta esterna a cui il Comune ha già affidato l’incarico per tre anni. La ditta, che opera nel settore, si è fatta carico delle dirette streaming, del nuovo impianto audio dell’aula e del servizio di trascrizione automatica che facilita il percorso di digitalizzazione già avviato nella precedente legislatura. A spiegarlo ad Alqamah.it è il Presidente del Consiglio Mario Di Filippi: “Fin dall’inizio della legislatura abbiamo cercato di migliorare il servizio. Dopo aver ricevuto diversi preventivi e valutato anche l’acquisto del nuovo impianto, da poco abbiamo affidato questo servizio ad una ditta esterna. Già dall’ultima seduta consiliare – spiega il Presidente del Consiglio Mario Di Filippi ad Alqamah.it – il servizio è partito ed ha portato i suoi frutti: l’audio dell’aula è notevolmente migliorato e il servizio streaming mi dicono che funziona bene, con una buona qualità audio/video.”

Lo streaming, soprattutto negli ultimi anni, era diventata una causa persa: vani i tentativi di farlo partire sul sito istituzionale, vane le dirette sui social, anche se non rappresentano un canale ufficiale, vani anche i tentativi durante i mesi di lockdown di usare la piattaforma Zoom. Adesso, grazie alla ditta esterna il servizio è partito direttamente sul sito istituzionale del Comune. Qualità video ottima, audio pulito. Ripristinato finalmente un servizio essenziale di partecipazione e di trasparenza che la città chiedeva da tempo.

La diretta streaming, infatti, rappresenta uno strumento fondamentale per garantire la massima trasparenza della Pubblica Amministrazione, in attuazione del “Codice dell’ Amministrazione Digitale” definito con il Decreto Legislativo n. 82 del 7 marzo 2005 e successivamente integrato con il Decreto Legislativo 4 aprile 2006, n. 159, che interviene sulla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, sulla trasparenza e sulla partecipazione democratica. All’articolo 9 infatti si legge “Lo Stato favorisce ogni forma di uso delle nuove tecnologie per promuovere una maggiore partecipazione dei cittadini, anche residenti all’estero, al processo democratico e per facilitare l’esercizio dei diritti politici e civili sia individuali che collettivi.”

“Abbiamo archiviato il vecchio sistema analogico, passando, grazie alla ditta che gestirà il servizio per 3 anni, al digitale. Ringrazio – sottolinea ad Alqamah.it il Presidente Di Filippi – il dipendente Comunale Galante per il prezioso lavoro che ha svolto in questi anni per garantire il funzionamento del precedente sistema audio dell’aula. Adesso, con il nuovo servizio acquistato dal Comune, abbiamo ridotto ancora di più la carta dell’ufficio di Presidenza, continuando un lavoro già avviato dalla precedente presidenza del Consiglio. Questo servizio – conclude – ci permetterà di risparmiare anche dei soldi, in quanto risparmieremo sulle ore di integrazione di alcuni dipendenti dell’ufficio di presidenza e un risparmio di tempo grazie al servizio di trascrizione automatica.” Il servizio, inoltre, permette di dotare l’aula Consiliare di un servizio di qualità che potrà essere usato anche per le conferenze. Il servizio è stato affidato alla ditta per 3 anni al costo di 3600 euro annui.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDeficit infrastrutture in Sicilia. Covid da problema a opportunità? VIDEO
Articolo successivoCondizione di insularità “una tassa occulta” che hanno pagato i siciliani
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.