Batti e ribatti sull’Allmayer. La soluzione? Quali i tempi?

1887

I ragazzi dell’Allmayer di Alcamo trasferiti, no, ma forse si potrebbe…. e chi pensa anche alle famiglie dell’Istituto Agrario? Ma poi i tempi?

ALCAMO. Il principio che unisce tutti coloro che stanno dibattendo sul futuro del Liceo Statale Allmayer è quello di salvaguardare gli studenti e le loro famiglie, ma anche la cultura. La vicenda è partita da un dialogo a distanza tra Libero Consorzio, scuola e amministrazione locale, ma dopo una nota del primo (Questione “Allmayer”: Il Commissario del Libero Consorzio di Trapani risponde al Sindaco Surdi), dove in sintesi si paventava un trasferimento dei ragazzi dell’Istituto Agrario “Danilo Dolci” di Alcamo a Castellammare, non sono mancate le repliche.

Le repliche alla nota del Libero Consorzio e il dibattito

Una subitanea replica alla nota del Libero Consorzio è quella del Deputato del M5S Lombardo, che già si era espresso sulla questione in una nostra intervista (Surdi e Lombardo: “L’Allmayer non deve essere smembrato, le risorse ci sono”), ma che ha voluto di nuovo esprimersi sulla nuova questione sollevata dalla nota del Commissario Straordinario del Consorzio (Lombardo (M5S): “Trasferire l’istituto professionale per l’agricoltura, inaccettabile e offensivo per l’intero territorio”), affermando altresì che “è  inaccettabile e offensiva per l’intero territorio, posta in essere da chi non ha la minima contezza della realtà storica e sociale alcamese” e continua “Stiamo parlando di due indirizzi storici di Alcamo, non possiamo continuare a tollerare questo atteggiamento indecente, non si colpisce una scuola per tutelarne un’altra, tutte le istituzioni scolastiche hanno pari diritti e dignità. Il commissario si fermi un attimo e rifletta sul gravissimo danno che potrebbe causare alla comunità alcamese”. Un batti e ribatti tra enti, che in precedenza aveva visto la naturale presa di posizione del Dirigente Scolastico dell’Allmayer, Vito Emilio Picciché, che aveva espresso l’auspicio di una soluzione da parte della politica, cioé di coloro che ne hanno la competenza e che hanno il potere decisionale (Ci risiamo, quale futuro per i circa 700 alunni dell’Allmayer e per la scuola). In tutta questa bagarre si registra la nota del Sindaco di Castellammare del Golfo Nicola Rizzo, naturalmente interessato perché la questione riguarda anche il trasferimento in una sede scolastica della cittadina del Golfo (Questione scuola. Rizzo: “ritengo utile un confronto con i colleghi sindaci del comprensorio e con i dirigenti coinvolti”).

Il futuro degli alunni dell’Allmayer? Quelli dell’Istituto Agrario sono di serie B?

Quindi tanti si interessano al futuro degli alunni dell’Allmayer di Alcamo, ma come sottolineato dal Dirigente Scolastico Giuseppe Lo Porto, ex candidato alle amministrative scorse, a nessuno preoccupano degli alunni dell’Istituto Agrario che dovrebbero esser trasferiti a Castellammare, quindi affrontando le stesse problematiche che dovrebbero affrontare gli alunni dell’Allmayer se dislocati nelle varie sedi. E sempre Lo porto non va per il sottile affermando che “si tratta di un gioco delle parti fatto di  prese di posizione, di allusioni ed ammiccamenti, di scarico di responsabilità e di rivendicazioni”.

Quali i tempi per tutti questi cambiamenti?

Un elemento che entrato però poco entrato nel dibattito è quello che riguarda i tempi necessari per tutti questi cambiamenti, infatti facendo finta che tutto vada come da nota del Libero Consorzio, la recessione del contratto di locazione è vicina, quali i tempi per i trasferimenti, quali i tempi per la predisposizione di nuovi locali? Tanti gli interrogativi, da porre principalmente al Libero Consorzio, che abbiamo tentato di contattare.