Castellammare, è ancora emergenza cinghiali: intere cucciolate “a spasso” per la città. VIDEO

5511

Continuano gli avvistamento notturni di cinghiali in città. Intere cucciolate avvistate “a spasso” in zona via Francesco Crispi. Si valuta la cattura degli esemplari. GUARDA LE FOTO E IL VIDEO

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. È ancora emergenza cinghiali a Castellammare del Golfo, dopo i numerosi episodi registrati nei mesi scorsi, tornano a salire i casi di avvistamento. In molti segnalano incontri notturni di intere cucciolate di cinghiali a spasso per la città. Ormai allontanati dal loro habitat naturale, sono diventati assidui frequentatori della città durante le ore notturne. Alla continua ricerca di cibo si spingono sempre più giù, ai piedi di Monte Inici.

L’ultimo avvistamento risale a venerdì scorso, quando circa 20 esemplari (quattro scrofe di grosse dimensioni con circa sedici cuccioli al seguito) sono stati avvistati nella zona “della testa della corsa”, tra la via Francesco Crispi e la via Suor Maria D’Anna. Alcuni automobilisti si sono trovati al centro della strada intere cucciolate di cinghiali e le grosse scrofe a passeggio per la città. Gli animali infastiditi dalle luci delle auto dalla via Francesco Crispi si sono diretti in via Suor Maria D’Anna. Dopo una breve sosta per l’allattamento, il branco di cinghiali è sparito tra la vegetazione, in direzione di Monte Inici, lasciando una scia di devastazione: bidoni dell’organico sparsi ovunque e sacchi della spazzatura devastati sui bordi delle strade. “Li ho visti in via Francesco Crispi che rovistavano dentro alcuni contenitori dell’organico, – racconta un testimone – poi si sono spostati vicino la scuola.” Secondo gli esperti della Forestale si tratta di esemplari ibridi, cioè un incrocio tra cinghiale e maiale.

Le immagini girate da noi venerdì notte intorno alle 2 mostrano 4 grosse scrofe con i piccoli spostarsi dalla via Francesco Crispi alla via Suor Maria D’Anna. La notte precedente invece un cucciolo di cinghiale è stato segnalato morto sulla Strada Statale 187, poco distante dal luogo dell’avvistamento di venerdì, probabilmente investito nel tentativo di attraversare la strada.

Lo scorso mese di dicembre il Sindaco Nicolò Rizzo e l’Assessore D’Angelo definirono la situazione “una vera e propria emergenza”, tanto da chiedere l’intervento della prefettura, dell’assessorato regionale Agricoltura e Foreste, dell’Asp veterinaria e dell’ispettorato forestale di Trapani. Ad oggi però nessuna misura o iniziativa è stata portata avanti per la tutela degli animali e per la sicurezza dei cittadini.

Dall’incontro avvenuto lo scorso dicembre tra Amministrazione Comunale, il Distaccamento locale della Forestale e la II Commissione Consiliare Comunale, però, un primo passo in avanti è stato fatto. “Siamo in contatto con il nucleo operativo di Palermo del Corpo Forestale della Regione Siciliana per un intervento di cattura degli esemplari. – ha affermato ad Alqamah.it l’Assessore con delega alla protezione civile Leonardo D’Angelo – Adesso si attende un tavolo tecnico con gli esperti per capire come procedere alla cattura e all’eventuale immissione in natura. Dallo scorso dicembre ad oggi non avevamo più registrato episodi del genere, da qualche settimana invece sono ricominciati gli avvistamenti nel centro abitato. È chiaro che si tratta di una situazione che deve essere costantemente monitorata, per questo motivo nei prossimi giorni mi attiverò in tal senso. – ha aggiunto l’Assessore Leonardo D’Angelo ad Alqamah.it.”

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAlcamo, una “passeggiata” per sensibilizzare sulla lotta al racket e all’usura
Articolo successivoI rifiuti nelle campagna, non solo un danno ambientale, ma anche economico VIDEO
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.