Corrao e Lombardo: “Tocca alla Regione Siciliana provvedere alle aziende agricole sostenibili”

776

“Musumeci non ha più scuse. La Commissione Europea ha appena confermato che tocca alla Regione Siciliana provvedere alle aziende agricole sostenibili rimaste fuori dal finanziamento per i metodi di gestione ecosostenibili. Musumeci sappia che la scusa ‘l’Europa non vuole’ non regge più. Si assuma le sue responsabilità, faccia qualcosa e la faccia in fretta”.

A dichiararlo è l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Corrao rispetto a quanto emerge dalle notizie dell’ultima ora sull’agricoltura siciliana arrivate da Bruxelles. I funzionari della DG Agri rispondono all’europarlamentare Ignazio Corrao e al deputato nazionale Antonio Lombardo riguardo alla vicenda delle aziende agricole siciliane ecosostenibili non finanziate dalla misura 10.1.b del PSR Sicilia.

“Circa 4.000 aziende agricole siciliane – spiega Corrao – in possesso dei requisiti del bando 10.1.b, pur essendo state dichiarate ammissibili, non hanno percepito alcuna somma anche se hanno eseguito interventi e spese previste dalla misura. Un grave danno per tutte quelle aziende che si sono impegnate a garantire metodi di coltivazione ecosostenibili e che andrebbero sostenute, non messe in ulteriore difficoltà. La Regione Siciliana se ne lava le mani e per questo abbiamo sottoposto la questione non sono al Governo, ma anche alla Commissione Europea”.

“Le regole sono chiare – sottolineano Corrao e Lombardo -. Come la Commissione ci conferma, deve essere la Regione Siciliana a proporre la modifica per far arrivare l’ulteriore finanziamento alle aziende agricole siciliane rimaste fuori dai contributi 10.1 per i metodi di gestione ecosostenibili. Il regolamento 1305/2013 consente agli Stati membri di fornire ulteriore finanziamento nazionale in qualsiasi momento durante il periodo di programmazione in aggiunta ai fondi UE e nazionali già a disposizione. Nel contesto della gestione concorrente del Fondo europeo agricolo per le zone rurali Sviluppo (FEASR), spetta alla Regione Sicilia gestire il programma e valutare se sia opportuno proporre una modifica del programma. La soluzione è in mano a Musumeci e a nessun’altro, a differenza di quanto affermava il governo regionale nei mesi scorsi, ovvero che la possibilità di eseguire questo pagamento era rimessa alla volontà dell’Unione Europea”- concludono.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa mia Regina- Il cortometraggio delle Pleiadi contro la violenza sulle donne, firmato da Antonio Pandolfo (VIDEO)
Articolo successivoTrapani è “un campo minato”