Castellammare, riapre la succursale delle Poste Italiane in un Container. FOTO

2912

La nuova sede, in un Container, stazionerà in Piazza Giorgio Almirante, traversa della via Segesta, e sarà fornita anche di ATM Postamat esterno

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Dopo quasi sette mesi dalla chiusura della succursale delle Poste Italiane di Via Giuseppe Verdi (angolo via Francesco Crispi), riapre in un Container Up. La nuova sede, istallata da alcuni giorni, riaprirà al pubblico lunedì 18 novembre in piazza Giorgio Almirante, traversa di Via Segesta (accanto chiesa di Santa Rita).

L’ufficio è stato attrezzato con tutti i confort. Infatti è dotato di un ATM Postamat esterno, scivolo di accesso per diversamente abili e tre sportelli. “La postazione garantirà ai cittadini tutti i servizi postali e finanziari, compreso il ritiro della posta inesitata, dal lunedì al venerdì dalle 8.20 alle 13.35 e il sabato fino alle 12.35. – dichiara l’azienda – Si ricorda inoltre che l’ufficio postale più vicino aperto anche di pomeriggio è la sede di Castellammare del Golfo sita in via Giuseppe Verdi 42 (la sede centrale, ndr), con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 8.20 alle 19.05 e il sabato fino alle 12.35”.

Una riapertura tanto attesa per Castellammare del Golfo che torna così ad avere due ATM Postamat in città che avevano causato parecchi disservizi soprattutto nel periodo estivo, sovraccaricando di lavoro l’ufficio centrale. L’azienda al nostro giornale aveva assicurato una soluzione alternativa imminente e sottolineato l’impegno per la città di Castellammare, considerato un punto strategico a cui riserveranno la massima attenzione. Da lunedì, quindi, l’ufficio distaccato delle Poste tornerà operativo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDonazione degli Emigrati balestratesi in USA per il parco social free
Articolo successivo“Il dovere civico di informarsi”, gli alunni di Buseto Palizzolo incontrano la redazione di Alqamah
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.