Ordinanza balneazione a Castellammare, l’opposizione: “Abbagliante ordinanza di agosto”

1963

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Non è bastata la nota di precisazione del Sindaco Nicola Rizzo in merito alla discussa ordinanza sulla balneazione in alcuni tratti di mare della città. Il gruppo di opposizione “Castellammare 2.0” con una nota stampa afferma che “tutto il mondo è un palcoscenico e gli uomini sono soltanto degli attori che hanno le loro uscite e le loro entrate. E ognuno, nel tempo che gli è dato recita molte parti” (da Come vi piace di William Shakespeare ). Questo famoso soliloquio oggi più che mai si adatta alla nostra società dove l’immagine e il mettersi in mostra è l’emblema di uno status che, ricalcando modelli preconfezionati, cerca di essere legittimato. Questa amara riflessione sorge spontanea leggendo l’ennesimo “proclama” del sindaco Rizzo – sottolineano –  che cerca di rimediare alla pubblicazione dell”ordinanza n.17 del 07/08/2019 vestendo la maschera di chi viene danneggiato dal disfattismo altrui che denigra al contempo la sua amministrazione comunale e l’immagine della città. Forse il sindaco, abbagliato dal torrido sole d’agosto, non si è reso conto che la sua abbagliante ordinanza del 07/08/2019, revocata da lui stesso il giorno successivo, è stata un errore grossolano, non imputabile a nessun altro che a sé medesimo e che ha procurato un danno di immagine incommensurabile e allarme tra i cittadini e le migliaia di turisti che in questi giorni affollano la nostra splendida cittadina. L’errata interpretazione della nota assessoriale non è stata l’unica causa di disagio di questa estate 2019 perché il sindaco è stato abbagliato anche nel mese di luglio con le infinite comunicazioni, revoche, incontri con la cittadinanza relativi alla ZTL, andando molto “oltre” e riuscendo a trasmettere un messaggio che invece di volere rendere più vivibile la città alla fine ha sortito l’effetto contrario, scoraggiando finanche gli arrivi. Oggi – sottolineano dal gruppo di minoranza – si pone al sindaco la necessità di rivedere la struttura addetta alla comunicazione che va ridotta alle informazioni necessarie ed opportune. In questo anno di amministrazione Rizzo, forse per distrarre la cittadinanza dalle vere problematiche del paese abbiamo assistito all’esibizione sul palcoscenico mediatico della politica enfatizzando, talvolta, anche il banale e il superfluo. Pertanto – concludono – la invitiamo a dare sostanza e concretezza alla sua programmazione elettorale piuttosto che impantanarsi in temi che non conosce creando inutili, quanto deleteri, allarmismi. Paradossale ed abbagliante è apparsa a molti di noi questa ordinanza nei tempi, essendo contestuale alla trasmissione “La vita in diretta” volta a promuovere la storia, la cultura, l’enogastronomia, la bellezza delle nostre coste e la loro balneabilità. Fortunatamente si è trattato soltanto di un abbaglio di agosto!”

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastellammare, ztl in centro attive fino al 15 settembre. Linee guida definitive approvate in giunta
Articolo successivoIl capomissione di “Mediterranea” dal Vescovo Mogavero