Bufera sulla “Assemblea delle Consulte Giovanili Siciliane”, non partecipano 5 Province

1124

La Consulta regionale siciliana, ideata dal messinese Alessandro Magistro, 27 anni, attuale presidente della Consulta dei Nebrodi, non sta vivendo momenti felici, specialmente dopo l’elezione avvenuta l’8 aprile 2019, alla quale non hanno partecipato cinque province. Il perché era evidente da un comunicato prima della Consulta alcamese, nel quale si evidenziava, che pur riconoscendo l’importanza del progetto, c’erano motivazioni che non permettevano la presenza alle elezioni, poi a rinforzare la dose critica un Comunicato congiunto delle Consulte provinciali di Trapani, Palermo, Siracusa, Caltanissetta e Catania, nel quale si evidenziava un passaggio esplicativo: “Abbiamo deciso di non partecipare alle elezioni eppure si è insediata, con la pretesa di rappresentarci, una federazione privata e partitica, senza che ci sia alcun programma di legge o delibera dal governo né dall’Assemblea regionale. Tutto ciò è intollerabile”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa famiglia “Si-cura” sul tema delle dipendenze
Articolo successivoQuestione rifiuti, l’Assessore Lombardo attacca Regione e “vecchia politica”
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.