Questione rifiuti, l’Assessore Lombardo attacca Regione e “vecchia politica”

1740

Questione umido e non solo, per l’assessore alcamese Lombardo la colpa è interamente della Regione e della vecchia politica

Analizzando la situazione attuale del sistema rifiuti e in particolare dell’organico, perché nelle ultime settimane si è verificata una grossa difficoltà nello raccogliere tale rifiuto, infatti sono saltati turni perché non si poteva conferire in apposite piattaforme o il raccolto era superiore a quello consentito, spiccano le parole dell’Assessore del Comune di Alcamo, Vito Lombardo, che parla di responsabilità uniche della Regione, anche se ricorda che le problematiche sono da addossare anche a precedenti esponenti politici, quelli che “hanno appoggiato i governi Cuffaro, Lombardo, Crocetta e ora Musumeci“. Poi Lombardo ricorda che tale disagi favoriscono la speculazione, infatti si è passati “da 90 euro a tonnellata per il conferimento in piattaforma a 183,50” e sottolinea che “attorno al sistema della raccolta dei rifiuti girano molti soldi, lo sa la mafia, perché si sa che dove girano molti soldi si potrebbe insinuale la mafia, quindi non solo infiltrazioni di percolato, ma anche mafiose“.

Naturalmente Lombardo difende l’Amministrazione di cui fa parte affermando che: “noi ci occupiamo della raccolta, ma è la Regione che deve occuparsi dell’impiantistica dove conferire, quindi le responsabilità dei disagi sono da addossare a questa“.

Un ping-pong tra Comuni e Regione, qualcuno prima o poi vincerà, ma nel frattempo, e forse anche dopo, comunque i cittadini non potranno esultare, perché grandi sono i disagi.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteBufera sulla “Assemblea delle Consulte Giovanili Siciliane”, non partecipano 5 Province
Articolo successivoValderice, un arresto per evasione
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.