Castellammare: parole, ricordi e musica in memoria di Gaspare Palmeri, vittima innocente della mafia

1731

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Parole, ricordi e musica in memoria del castellammarese Gaspare Palmeri, vittima innocente della mafia. Un momento per ricordare la figura dell’operaio forestale ucciso da innocente durante un agguato da parte dei corleonesi il 18 giugno 1991. Recentemente a Gaspare è stata intitolata una via di Castellammare.

In questi anni di Gaspare Palmeri si è parlato molto, in particolare nelle scuole. La sua memoria è viva e continua a camminare nei ricordi e nelle parole dei figli Giovanni e Filippo, da anni attivi con l’Associazione Libera.

Quest’anno, a 27 anni dalla sua uccisione, verrà ricordato dalle associazioni Castello Libero Onlus e “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie” presidio “Piersanti Mattarella” di Castellammare del Golfo.

“Parole, ricordi e musica per rinnovare l’impegno a non dimenticare Gaspare e per far sì che quello che è successo a lui non accada più a nessun altro”, affermano dall’associazione Libera. Sarà un momento per fare memoria ma soprattutto per rinnovare un impegno comune che impegna tutti come cittadini. La manifestazione avrà luogo nella zona pedonale di Corso Garibaldi il 18 giugno. La giornata si articolerà con il seguente calendario: Ore 18:00 Percorso visivo in ricordo di Gaspare Palmeri; Ore 19:30 Parole e ricordi su Gaspare, Ore 20:45 Live music con i Pop Corn Band.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLe iniziative della “Giornata del rifugiato” in provincia di Trapani. Un evento anche ad Alcamo.
Articolo successivo“Alcamo Marina è sommersa dai rifiuti.” ABC si pronuncia contro l’amministrazione sullo stato in cui versa tutta la litoranea.
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.