Castellammare, tour nelle discariche abusive di Contrada Conza: Tra frigoriferi e scarti edili. VIDEO

1138

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Continua il nostro tour nelle periferie delle città di Alcamo e Castellammare del Golfo. Dopo le numerose segnalazioni dei cittadini alla nostra redazione abbiamo deciso di fare un giro nelle zone periferiche cittadine per documentare lo stato in cui versano. Nei giorni scorsi siamo andati in Contrada Fraginesi a Castellammare e in Contrada Pigni di don Frabrizio ad Alcamo. Quella di oggi è una zona a noi molto nota: Contrada Conza, a pochi passi da cala bianca e a pochi chilometri dalla baia di Guidaloca.

Qui le discariche abusive sono praticamente perenni. Da anni documentiamo lo stato di totale degrado e inciviltà. Negli anni il Comune di Castellammare del Golfo, anche grazie alle nostre segnalazioni, ha provveduto alla bonifica dell’intera area, rimuovendo rifiuti ingombranti e tanto amianto. Inoltre l’area tra Contrada Conza e Contrada Ciauli è stata, negli anni scorsi, soggetta a numerosi incendi che hanno mandato in fumo anche i rifiuti.

Oggi, rispetto al passato, la troviamo “migliorata”, ma pare evidente che il fenomeno sia ancora ben presente nonostante il cartello di “minaccia” posto all’ingresso della stradella che indica la presenza di videocamere. Ancora una volta abbiamo trovato tantissimi frigoriferi, scarti di potatura, scarti edili, piastrelle, strani tubi all’interno di alcuni sacchetti, materassi e anche l’immancabile amianto. Una situazione che da un lato  necessita sicuramente del pugno duro da parte dell’Amministrazione Comunale, dall’altro di una massiccia campagna di sensibilizzazione.

Guarda il Video:

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAnna Maria Angileri (PD): “La nostra una squadra forte e competente”
Articolo successivoAlcamo, perdita d’acqua in via Mazzini
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.