Il quinto polo universitario a Castelvetrano, arriva la proposta del Sindaco Errante

1162

calcara-torre-erranteCASTELVETRANO. Il Sindaco di Castelvetrano Felice Errante, unitamente all’assessore Paolo Calcara, ha incontrato il professor Francesco Torre della Facoltà di Conservazione dei beni Culturali di Ravenna dell’Università di Bologna, in merito alla creazione del quinto Polo Universitario in Sicilia. Francesco Torre, già docente di geoarcheologia e geomorfologia, ha diretto il Corso di Archeologia Navale del Polo didattico di Trapani.

L’idea è quella di creare il quinto Polo Universitario della Sicilia, dopo Palermo, Catania, Messina ed Enna. Il progetto interesserà in particolare le città di Marsala, Trapani, Mazara, Castelvetrano e la valle del Belice. Il  professor Torre ha illustrato i tempi e le modalità necessarie per realizzare il progetto che avrà un grande impatto sul territorio, portando notevoli benefici per il territorio e per tutta la Sicilia occidentale.

In particolare il progetto prevede l’istituzione della Facoltà di Medicina e Scienze Turistiche e sociali a Trapani; di Agronomia e Archeologia Navale a Marsala; Biologia Marina e Pescicoltura a Mazara, nonché fattorie di ricerca nella Valle del Belice, che comporteranno la creazione di laboratori di ricerca per le innovazioni tecnologiche e per la tecnologia microscopica.

Il Sindaco Errante sottolinea che “questo è il primo passo di un percorso che sarà oggetto di accurato approfondimento da parte nostra nei prossimi mesi. È facile comprendere come oltre all’arricchimento culturale sarebbe l’ulteriore passo in avanti per lo sviluppo territoriale”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGli eurodeputati Corrao e Affronte, Movimento 5 Stelle, incontrano i pescatori
Articolo successivoSequestrato dalle Fiamme Gialle un peschereccio con 250 kg di sigarette di contrabbando
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.