Corrao sull’incendio di Monte Bonifato: “un episodio grave e da condannare”

1894

Ignazio CorraoBruxelles. E’ di qualche giorno fa la dichiarazione di solidarietà verso Alcamo e i suoi cittadini, da parte dell’euro deputato pentastellato ed alcamese Ignazio Corrao, riguardo l’incendio dei giorni scorsi sul Bonifato. “Un episodio grave, da condannare con forza e per il quale ci appelliamo ancora una volta al senso civico di chi lavora per costruire, non per distruggere vigliaccamente”. “Già dopo l’incendio dello scorso anno,  dice Corrao, uscì fuori la vera natura dei nostri concittadini, ovvero quella di chi operosamente lavora per ricostruire rimboccandosi le maniche, talvolta baipassando le istituzioni locali per fare qualcosa di serio e concreto. Ricordo con piacere che insieme a decine di cittadini, volontari ed agli studenti delle scuole elementari e medie della città, piantumammo migliaia di nuovi alberelli, un gesto nobile che rischia oggi di essere vanificato da quest’ennesimo brutto episodio, sul quale sono certo che gli inquirenti sapranno fare luce al più presto. A tal proposito, proprio in questi giorni di permanenza nella mia città, ho incontrato alcuni esponenti delle forze dell’ordine che mi hanno palesato le difficoltà cui vanno incontro per l’espletamento delle mansioni di sicurezza sul territorio, a causa della carenza di organico. Proprio per queste ragioni, già nei prossimi giorni porrò la questione all’attenzione degli organi ministeriali competenti, interrogando la Commissione Europea. Intanto  esprimo solidarietà ai miei concittadini, ai bambini che hanno materialmente piantumato le nuove essenze ed ai dirigenti scolastici che hanno dato l’impulso a che ciò avvenisse”.  Questa dichiarazione di Corrao pone altri interrogativi sulle fiamme sul monte Bonifato, non solo la follia del o dei  piromani, ma anche le difficoltà di chi dovrebbe contrastarli.

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAl via i lavori di restauro della Chiesa del Collegio e Badia Nuova
Articolo successivoScibilia chiede l’intervento del Prefetto di Trapani per contrastare il fenomeno del gioco d’azzardo