Vincenzo Cusumano (PD): “Primarie aperte e vere”

1493

ALCAMO – Commento positivo da parte del segretario del PD cittadino, Vincenzo Cusumano, sull’esito delle primarie per il candidato a Premier del centrosinistra. I voti conquistati alle primarie di Alcamo dal segretario nazionale del PD, Pierluigi Bersani, sono stati 1695, mentre per il Sindaco di Firenze, Matteo Renzi, i voti conquistati sono 1179.

Anche ad Alcamo – commenta Cusumano – il successo di Bersani si è attestato al 60%, mentre Renzi ha raggiunto il 40%, questo è un risultato importante per tutto il centro sinistra e per il PD in particolare, per aver messo esclusivamente nelle mani degli elettori del centrosinistra, la scelta del prossimo candidato presidente del Consiglio”.

Abbiamo assistito a primarie aperte e vere – continua il segretario – volute fortemente dal segretario del Pd, e da tutti gli altri partiti del centrosinistra che fanno parte di ITALIA BENE COMUNE. Ciò ha permesso il ripristino di un filo diretto con gli elettori, avvicinando gli iscritti e simpatizzanti alla politica, soprattutto ridando fiducia a tutti i cittadini. Il voto del 25 novembre e il ballottaggio del 2 dicembre, ha visto ad Alcamo la mobilitazione di migliaia di elettori del centrosinistra che si sono visti coinvolti direttamente nella competizione delle primarie, e pertanto siamo convinti che quest’ultimo sia uno strumento da utilizzare spesso, nelle diverse competizioni elettorali“.

Il risultato – conclude Cusumano – ha dato un vincitore e una linea politica, come ha riconosciuto lo stesso Renzi, e al di là di semplici calcoli, pensiamo che il successo del popolo delle primarie ha dato e darà nuova linfa e impulso al partito, per cui già da subito, diciamo che ne faremo tesoro“.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteABC presenta: “Volevamo braccia. Migranti e vendemmia ad Alcamo”
Articolo successivoL’assessore Settipani preannuncia la nascita della Consulta delle Differenti Abilità
Marcello Contento
Marcello Contento nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.