Giulia Adamo si dimette da deputato

605

MARSALA – L’ Onorevole Giulia Adamo, neo eletta Sindaco di Marsala, ha ufficialmente rassegnato le sue dimissioni da deputato regionale e da capogruppo all’Ars dell’UDC.

Commenta così la sua decisione: “Con la pubblicazione da parte della Presidenza della Regione del decreto sulla Gazzetta ufficiale della Regione Siciliana che indice i Comizi elettorali per il prossimo 28 ottobre al fine di eleggere il nuovo Presidente della Regione e i 90 rappresentanti di Palazzo dei Normanni, sono venute meno le motivazioni che mi hanno spinto, come capogruppo dell’Udc a rimanere fra gli scranni di Sala d’Ercole dopo la mia elezione a Sindaco di Marsala”.

Sono rimasta – prosegue l’Adamo – nel Parlamento regionale solo per onorare la fiducia che nei miei confronti è stata riposta sia dall’Udc nazionale ed in particolare dall’onorevole Casini; sia dai vertici regionali  – in primo luogo dal senatore Gianpiero D’Alia – che hanno creduto in me per rifondare un partito che veniva da un periodo di grande travaglio interno e per il quale si è resa necessaria un pragmatica rimodulazione con l’esclusione di alcuni esponenti. Da capogruppo regionale dell’Udc ho voluto fare fino in fondo il mio dovere nella piena consapevolezza che avevo, comunque, già deciso da tempo  di  candidarmi a Sindaco della mia Città. Quando ho aderito all’UDC ho avuto affidato un mandato ed un incarico che non potevo mai disattendere e per il quale mi sono spesa con il massimo delle forze e soprattutto senza chiedere nulla

Soddisfatti molti concittadini di Marsala che da mesi protestavano per la doppia carica che l’Adamo deteneva. Alcuni di essi avevano anche fatto ricorso presso il Tribunale di Marsala.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDomani avvio alla manifestazione “Scrusci” ad Alcamo
Articolo successivoCastelvetrano raccoglie fondi per le famiglie dei bambini autistici. Errante: “porteremo avanti progetti di sostegno alle famiglie”
Marcello Contento
Marcello Contento, nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.