Abbruscato ribadisce la disponibilità per le primarie 2017

Pubblicato: martedì, 21 giugno 2016
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

abbruscatoTRAPANI. Stupito per quanti chiedono ancora se intende partecipare alle Primarie, Enzo Abbruscato, risponde che è sempre della sua idea, ovvero quella che rende impossibile tirarsi indietro di fronte ad un progetto di cui condivide obiettivi e programmi.
Le dichiarazioni in tal senso ci sono state anche in passato, anche quando non tutti condividevano l’uso delle primarie, come ribadito è stato il concetto di voler dare un contributo da primo cittadino alla propria città ritenendo questo l’impegno più bello e alto di partecipazione politica.
Nel ribadire la posizione Abbruscato afferma: ” Personalmente credo di poter dare un contributo per sollevare questa Città dalle attuali sofferenze. Trapani è in uno stato “comatoso”, senza progettualità, senza una idea di sviluppo e, cosa più grave, senza quella coesione sociale che è alla base della crescita di un territorio. Questo anche perchè, almeno sul versante politico e amministrativo, si trova, ormai da decenni, incartata su liti pregresse e anche personali, che spero non trovino spondenei protagonisti prossimi della competizione elettorale.”

Non manca preoccupazione interna per il partito”Abbiamo assisistito ad anni d’insulti e accuse reciproche tra ex alleati, con uno scaricabarile continuo che ha trascinato Trapani, la nostra Trapani, in uno stato di quasi apatia economica e culturale. Il mio personale dubbio sul “metodo” verso il quale stiamo arrivando alle primarie riguarda proprio il rischio di trasportare, anche nella Trapani che verrà, gli strascichi di faide politiche che sicuramente non aiutano la città. La chiarezza di comportamenti, la coerenza di pensiero e di azione, l’affidabilità di
un progetto condiviso che nasce dal confronto, sono elementi che “devono” fare parte della campagna elettorale che “deve” segnare l’inizio di una rinascita territoriale. Ma questo non deve ridursi ad una dichiarazione di principio. Questa città ha senz’altro bisogno di “sognare” il proprio futuro, andando oltre la semplice “amministrazione”. Ma un sogno rimane tale e non si trasforma in progetto se non si parte dalla soluzione di problemi concreti e non si riporta il dibattito sui fatti.”

Abbruscato va avanti anche sul piano programmatico: “Vorrei confrontarmi su questioni reali, sul perché il Luglio Musicale è, nuovamente,
ridotto in un produttore di debiti, sull’efficienza della macchina amministrativa dell’Ente Comune, sulle scelte imprescindibili sulla raccolta differenziata e sulla Trapani Servizi, che interpreta le politiche ambientali in Città. Un discorso a parte e tanta rabbia per le occasioni sprecate per affermarci, definitivamente, nel marketing /offerta turistica dove le iniziative del privato, quasi mai vengono incoraggiate, se non addirittura boicottate. Un confronto che porti la Chiazza, la Casina delle Palme, il Lazzaretto, il Bastione al centro delle iniziative e non come un peso da “disamministrare”, con il rispetto per il passato, per un futuro bello e possibile.”

“Certamente le primarie sono uno strumento valido, e nel caso Trapani, possono essere anche decisive, ma soltanto se le concepiuremo come “primarie delle Idee”. “Primarie delle Priorità”, e non delle personalità, affinchè non siano un semplice “regolamento dei conti”, e all’interno del PD o piuttosto di una coalizione. Il cittadino ha bisogno di risposte concrete e non di “guerre di palazzo”. Se la Politica non saprà
dargliele sceglierà, legittimamente, il suo contrario, fomentando astensionismo e antipolitica. Priorità, quindi e confronto aperto con i cittadini sulle grandi scelte. Perché il sindacoche verrà dovrà avere l’autorevolezza sancita da un mandato chiaro per valorizzare
Trapani nei luoghi e nelle sedi opportune. Trapani non merita l’attuale immobilismo, ripeto, frutto anche di attriti all’interno della coalizione vincente nel 2012, che ci ha visto all’opposizione e promotori di unamozione di sfiducia, io in prima persona e convintamente.
Quindi: si, mi candido alle Primarie per amministrare la nostra città, e voglio ribadire che penso a Primarie vere, che stabiliscano l’inizio di un percorso politico che riapra il dialogo con e verso il territorio, verso la cittadinanza, e che non siano nemmeno lontanamente il “politichese” che gli elettori oggi non potrebbero capire e che sicuramente non potrebbero accettare.”

Letto 607 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>