Antonio Pennisi è il nuovo direttore generale della Banca Don Rizzo

Pubblicato: giovedì, 7 gennaio 2016
Vota l\'articolo
1
Vota l\'articolo
0

Direttore Generale BDR Antonio PennisiALCAMO. Il consiglio di amministrazione ha infine nominato stamattina il nuovo direttore generale della banca Don Rizzo. Si tratta di Antonio Pennisi, che succede a Carmelo Guido scomparso tragicamente da qualche mese in un incidente.
Pennisi ha 59 anni ed è siciliano proviene dal Credito Cooperativo del Lazio e in passato ha ricoperto il ruolo di direttore generale anche per la Banca Popolare Sant’Angelo.

La sua nomina segue al rinnovo degli organi sociali e all’elezione del presidente Amenta. “Il mio mandato – spiega il neo direttore – è quello di affiancare il Consiglio di Amministrazione, con il quale c’è piena condivisione di intenti, nella riorganizzazione e nel rilancio dell’Istituto in uno scenario che si connota per i grandi cambiamenti, tra cui la riforma del Credito Cooperativo che porterà alla costituzione del terzo gruppo bancario italiano, primo per capitalizzazione”.

La banca conta oggi 4 mila soci e una storia di 114 anni dalla fondazione avvenuta grazie a Don Giuseppe Rizzo. 17 filiali per 16 comuni tra Palermo, Trapani e Agrigento per un totale di oltre 50 mila clienti e 122 dipendenti.

“La Banca Don Rizzo – continua Pennisi – è un punto di riferimento per il territorio e si pone l’obiettivo di migliorare ed ampliare i propri servizi contando sulla fiducia ed il sentimento di appartenenza dei clienti e dei soci, caratteristiche del Credito Cooperativo. Nello svolgimento delle attività continuerà a privilegiare le loro esigenze e la crescita complessiva – economica e sociale – dei territori in cui opera, con attenzione alle imprese e ai giovani, oltre che tradizionalmente alle famiglie”.

Letto 3047 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>