ABC propone la sospensione del pagamento delle indennità dei consiglieri e del presidente per tutto il restante 2015

Pubblicato: giovedì, 30 luglio 2015
Vota l\'articolo
12
Vota l\'articolo
1

abcIl gruppo consiliare di ABC – Alcamo Bene Comune, durante la seduta del consiglio comunale di ieri sera, ha presentato una proposta di delibera, mirata a sospendere il pagamento del gettone di presenza dei consiglieri e dell’indennità di carica del presidente del consiglio, da ora e per tutto il 2015.

“La finalità della proposta è quella di diminuire proporzionalmente le aliquote delle imposte locali che il consiglio in questi giorni sta deliberando. Probabilmente per la prima volta negli ultimi anni, infatti, il bilancio verrà formulato con l’obiettivo di non sforare nuovamente ‑ per la quarta volta consecutiva ‑ il Patto di Stabilità che ha paralizzato ogni settore della vita amministrativa della città. ABC propone dunque di ridurre la tassazione a carico dei cittadini, già abbastanza vessati, suggerendo che sia la politica, unica colpevole della mala gestione e delle condizioni finanziarie disastrose, a dare un segnale forte alla cittadinanza; una proposta probabilmente impopolare tra i banchi del Consiglio comunale, che però si rivolge a quanti hanno davvero a cuore le sorti della nostra città, invitandoli a rinunciare alla loro indennità.”

“ABC coglie l’occasione per ringraziare il dott. Arnone per il dialogo proficuo al quale ci ha invitati: né maggioranza né opposizione, contano solo le buone proposte e noi negli anni ne abbiamo fatte in gran quantità, spesso trovandoci mortificati da dinamiche politiche miopi e da “regole” da vecchia politica. Per la prima volta, invece, a oltre 3 anni dal nostro insediamento in Consiglio Comunale, siamo stati chiamati in udienza nell’ufficio del sindaco, trovando nel Commissario straordinario un interlocutore attento e disponibile; abbiamo presentato alcuni nostri progetti per il risparmio della spesa pubblica, tra tutti quello sul fondo dirigenti da distribuire non più “a pioggia” ma legandolo agli obiettivi concreti raggiunti. Nel prossimo consiglio comunale presenteremo una nuova proposta sulla tassazione comunale sugli immobili, volta a garantire una maggiore equità fiscale legando l’aumento delle aliquote sulla prima casa alla capacità contributiva, principio tutelato dall’art. 53 della Costituzione.”

Letto 1417 volte.
5 Commenti
Dì la tua
  1. LiberAlcamo scrive:

    ABC X IL BENE COMUNE !!!
    Ottima iniziativa !!!

  2. Gaspare scrive:

    Condivido pienamente la vs proposta, ma lo scetticismo dei cittadini è legittimo fino a prova contraria. Se lotterete per far rispettare le vs proposte che mirano giustamente all’abbattimento dei costi della politica, probabilmente potrete vincere le prossime elezioni ed essere chiamati a governare Alcamo,che da vent’anni ,ahimè, è terra di nessuno se non di pochi eletti…. Strade dissestate – acqua che arriva ogni 8 giorni – arredo urbano inesistente – il centro in balia dei vandali – etc.. Credo che gli Alcamesi onesti che bpagano le tasse chiedono servizi e una politica attenta ai bisogni dei cittadini. Buon lavoro

  3. Vorrei dare un consiglio significativo prima di aumento le tasse comunale in questione, come cittadino posso dire che prima di aumentare le tasse per quelli che già le pagano regolarmente da sempre, in quanto gli stessi censiti al catasto e quindi individuabili da parte del Comune.

    A tal proposito, bisogna capire se il Comune ha la volontà di scovare gli evasori delle tasse comunali, per esempio: accatastamento d’ufficio delle case rurali e non, fuori dal centro abitato da parte dell’Ufficio Catasto avvenuto nell’anno 2011/2012 in poi.

    A tal proposito, mi chiedo, come mai il Catasto è riuscito a scovare queste abitazione senza l’accatastamento e il Comune è latitante in merito?

    Il Comune ha attivato un controllo del territorio su queste abitazioni accatastate e se i relativi proprietari hanno versato le relative tasse comunali negli anni dal 2010 al 2015, in quanto, vi è la possibilità riconoscita per legge, che prevede il recupero degli ultimi 5 anni, come hanno fanno altri Comuni del comprensorio da diversi anni.

    Quindi, tutto sta alla volontà politica del Comune e al Dirigente del settore tributi ad attivare i controlli d’ufficio e il recupero delle tasse non pagate degli ultimi 5 anni.

    Come fare: richiedere foglio di mappa relativo anno 2010 all’Ufflicio Catasto e poi il foglio di mappa 2015 e verificare quante abitazione sono state riportate in mappa nel 2015, e poi ricercare i proprietari e controllare se hanno pagato le tasse su queste abitazioni.

    Io penso che le risorse finanziarie che mancano al Comune si trovano in queste abitazioni, e quindi, forse non c’è bisogno di nessun aumento di aliquota, oggetto di discussione in Consiglio Comunale di oggi.

  4. verità scrive:

    se non ricordo male l emendamento per la riduzioni dei premi ai dirigenti è già stata presentata in consiglio durante il bilancio di previsione 2014. e proprio i componenti di ABC, oggi paladini del risparmio, hanno votato contro tale proposta . vi invito a recuperare e pubblicare tale delibera .
    le bugie hanno sempre le gambe corte

  5. Verità scrive:

    mi correggo, durante l approvazione del bilancio di previsione 2012. Insieme ad ABC anche parte della maggioranza di allora.Invito la redazione a recuperare la delibera in oggetto e pubblicarla con tutti gli interventi.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>