Ustica Lines risponde a Crocetta e al Sindaco di Lampedusa in merito ai collegamenti marittimi

Pubblicato: martedì, 12 maggio 2015
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Rosario CrocettaScambo d’accuse durissime tra Ustica Lines e il Presidente della Regione Crocetta. La compagnia marittima commenta esterrefatta le dichiarazioni rese dal Presidente Crocetta a Lampedusa, riportate oggi dagli organi di stampa. A detta della società queste appaiono come un tentativo maldestro di scaricare le responsabilità della Regione sulle compagnie di navigazione e, in particolare, sull’Ustica Lines e non fanno presagire nulla di positivo sull’incontro che lo stesso Presidente ha fissato per mercoledì prossimo. Forse il Presidente Crocetta non sa che i bandi per i servizi di collegamento sono europei ed aperti a tutti. Basta questo per smentire che possa esserci un regime di monopolio come lui sostiene.

L’affermazione che il noleggio di un idrovolante costi meno di quello di un aliscafo – si legge in una nota stampa – è un tentativo di gettare fumo negli occhi alla popolazione delle Pelagie, per nascondere il disinteresse della Regione verso le problematiche di queste comunità: noleggiare un  idrovolante potrà anche costare 8.000 euro, ma può trasportare al massimo quindici/venti passeggeri. Un aliscafo costa di gran lunga meno della cifra riferita dal Presidente Crocetta e trasporta 240 passeggeri a viaggio. Con 30.000 euro di noleggio in due anni il Presidente Crocetta potrebbe  comprarseli  due aliscafi!

La società invita anche il Sindaco Giusi Nicolini a non cadere nel tranello delle dichiarazioni ad effetto del Presidente Crocetta, ma ad accertare la verità dei fatti con documenti alla mano.  I costi che le compagnie di navigazione sostengono per i servizi non fanno riferimento solo al carburante, ma alla manutenzione, al personale, alle attività che vengono svolte, anche quando le corse sono sospese, per mantenere l’efficienza delle flotte e rispettare i parametri e gli impegni richiesti dalla Regione. Se il Sindaco di Lampedusa ritiene di avere “scoperto” truffe milionarie faccia denunce circostanziate e non spari nel mucchio. La verità è che la Regione, dopo avere interrotto i collegamenti con le Isole Pelagie, ha predisposto un bando con condizioni inaccettabili e nessuna compagnia di navigazione vi ha partecipato. Non risulta ad oggi che la Regione si sia interessata in qualche modo della problematica relativa ai collegamenti con le Pelagie.

Letto 850 volte.
2 Commenti
Dì la tua
  1. Valenziano scrive:

    ‘Fumo negli occhi’?? Massimo 15/20 passeggeri su un idrovolante, rispetto ai 240 di un aliscafo?, Sì, certo. Ma forse sarà il caso di rendere noto quanti passeggeri viaggino al giorno da e per le Pelagie ( o da e per Pantelleria, per citare un’altra isola dotata di aeroporto )da fine settembre ad inizio giugno.

  2. Gaetano scrive:

    Vorrei sapere se questo Governo siciliano ritiene fondamentale garantire i collegamenti con le Isole.
    A prescindere dal numero dei passseggeri e dalla stagionalità.
    Ci sono molti modi per valutare il servizio migliore e certo non mancano i professionisti per analizzare la migliore offerta dei candidati
    E quanto costa il danno al turismo arrecato da queste inefficienze?
    Sono d’accordo è tutto fumo, e nessuno capisce dove sia l’arrosto e per chi sia.
    Se a qualcuno sembra basso il numero di passeggeri fuori stagione per impiegare un aliscafo, proponga di usare un furgoncino, anche se non galleggia !

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>