Il lavoro al centro della politica

Pubblicato: mercoledì, 28 marzo 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Oggi, alle ore 10:00, presso il Palazzo di Città di Alcamo, sarà siglato, un protocollo d’intesa fra il Comune e le associazioni sindacali,  appartenenti al comparto edilizio (CISL FILCA, FILLEA CGIL, FENEAL UIL) oltre all’Associazione Antiracket ed Antiusura e la CNA di Alcamo. Un protocollo che, come espresso dal Sindaco Scala, "è necessario per realizzare interventi di sostegno al reddito e di politica attiva del lavoro a favore delle persone più deboli sul mercato del lavoro e di quelle espulse dalle aziende, anche per prevenire e contrastare la disoccupazione di lunga durata".

La politica e le associazioni di categoria sembrano aver intrapreso un cammino comune che mette al centro dell'attenzione il problema lavoro, difficilissimo da trovare, tanto che per molti, ormai, trovare un impiego sembra essere una chimera. In molti, certo, penseranno che tali iniziative potevano essere intraprese prima, visto che la crisi economica, che colpisce tutte le categorie, ha messo in ginocchio non solo Alcamo e la Sicilia, ma anche l'Italia. Alcamo, pur riconoscendole tante risorse, anche grazie alla politica, risulta ingabbiata in una spirale di lavori precari, quando si è "fortunati" a trovarli, che generano mancanza di fiducia nel futuro: il risultato? Non cercare più il lavoro. Naturalmente per non dar ragione a opinioni qualunquiste, che per ora vanno di moda, non si può che fare un plauso al Sindaco e alle associazioni di categoria, perché con questa iniziativa almeno danno un segnale positivo. Li si esorta, però, a concretizzare i buoni propositi, perché, se così non sarà, tutto ciò saprà tanto di fumo negli occhi per accattivarsi le simpatie dell'opinione pubblica.

Letto 361 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>