Lauria candidato di un Pdl spaccato

Pubblicato: lunedì, 27 febbraio 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

ALCAMO. Ieri al centro congressi Marconi Baldassare Lauria ha ufficializzato la propria candidatura a Sindaco di Alcamo per le elezioni che si svolgeranno a maggio. L'assemblea del Pdl che si è riunita ad Alcamo non era, però, che una parte dell'intero partito. Nelle stesse ore, infatti, il sen. D'Alì svolgeva un'altra assemblea a Trapani con altri rappresentati del partito.

Ai saluti di Angelo Marocco e Francesco Regina è seguito il lungo intervento di Nicola Cristaldi, sindaco di Mazara del Vallo, il quale ha sottolineato quanto inopportune siano state le scelte di D'Alì (da lui soprannominato Bendalì con chiaro riferimento al dittatore tunisino) in merito alla decisione di fare comunque l'assemblea provinciale nonostante l'importante appuntamento ad Alcamo, e malgrado fosse stata proposta come sede Salemi, per dare un forte messaggio di vicinanza alla cittadinanza di questo paese appena commissariato.

Cristaldi rintraccia le motivazioni di tale spaccatura, voluta dal senatore, nel momento storico che l'Italia e il Pdl attraversano, dopo la caduta del governo Berlusconi e la conseguente perdita di un leader unico. Spiega alla platea quanto questo atteggiamento non faccia altro che favorire, direttamente e indirettamente, il presunto asse alcamese Papania-Turano che da anni influenza la politica del paese e in parte anche della provincia.

In tale contesto si colloca la candidatura di Lauria che, a conclusione della mattinata, ha dichiarato di aver maturato questa decisione per uno scatto di dignità personale che lo vede in prima linea per combattere il sistema politico che si è consolidato ad Alcamo nel corso degli anni grazie allo strapotere di pochi. Tale sistema ha contribuito, secondo Lauria, a spegnere la speranza dei giovani alcamesi di sognare un futuro e un impiego degni delle loro professionalità e aspettative. Con lo spirito di un uomo che ama il proprio paese si candida a sindaco affinchè venga sconfitto non un politico ma un sistema che, come sottolineato dai tanti intervenuti, non permette ad Alcamo di cambiare e sognare.

Letto 1064 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. Giuseppe ha detto:

    Lauria oramai si è bruciato, non partecipando al congresso PDL ha chiaramente disatteso alle regole democratiche all’interno del PDL.

    AUTOGOL CLAMOROSO.

    COMPLIMENTI CHE TEMPISMO

    • educazione ha detto:

      la scelta di Lauria è stata una scelta coraggiosa e responsabile degna di un vero candidato alle amministrative, fuori dai giochi delle segreterie politiche dove viene pianificato tutto senza alcun coinvolgimento.
      bravo avvocato continua, alcamo ha bisogno di gente con gli attributi e non di pretoriani che come i somari seguono la strada smarrita

  2. Giuseppe ha detto:

    ..anch’io penso che Lauria sia una persona valida, ma l’errore di non partecipare al congresso è stata scelta troppo grave, il non avere voluto confrontarsi con la base mi lascia più che perplesso.
    Disattendere poi le regole democratiche del partito di cui fai parte!!!!!!

    Gli auguro tutto il bene,
    ma mi dispiace è quello che penso

    • francesco ha detto:

      ma di quale base e regole democratiche parli???? parli perfettamente il politichese….i congressi sono delle pure facciate…alla regia non partecipa l’assemblea. Non dire bufalate….

    • francesco ha detto:

      confronto???? a questo punto le cose andrebbero a meraviglia….

    • educazione ha detto:

      ma tu andresti ad un congresso dove tutto è stato prestabilito?
      tu andresti ad un congresso dove i tuoi colleghi di partito, ti spettano per farti le scarpe usando la teoria , buon viso a cattivo giuoco?

  3. Dario ha detto:

    l”on. Lucchese è riuscito, confrontandosi con la base, a rastrellare consensi nell’area cattolico liberale, penso che sia opportuno nonostante la stima per lauria che si cerchi un’altro candidato che possa rappresentare le varie anime del partito…..
    anch’io penso che l’autogol di lauria sia stato clamoroso…. un futuro sindaco non può non partecipare al congresso del suo partito regolarmente convocato dagli organi nazionale…….. per me non dà nessuna garanzia………

  4. Giuseppe ha detto:

    ma educazione!!!!!!!! non vorrei che Lauria pensi che anche i consigli comunali siano delle pure facciate!!!!!!!!!

    mi ricorda mussolini, anche per lui tutto era di facciata!!!!!

    MI DISPIACE MA LE REGOLE DEMOCRATICHE SI RISPETTANO!!!!!!!! POSSONO O NON POSSONO PIACERE!!!!!!!!!!

    • educazione ha detto:

      le regole democratiche prima di propugnarle verbalmente devono essere applicate, ma secondo voi è democratico stabilire il modus operandi del congresso e 24 ore dopo, all’insaputa di tutti, organzzare una lista per conto proprio raccantonando tessere e tesserati (e qui ci vorrebbe un’altra inchiesta di striscia la notizia )e andare a congresso?
      la parola democrazia ha un peso e un significato e in politica é difficile applicarla

  5. Roberto ha detto:

    Lucchese????? Area cattolico liberale? Andate a rivedere l’intervista de le iene e vi renderete conto che avrebbe bisogno di recuperare l’italiano. D’Ali e’ sempre lo stesso opportunista e incapace a chiedere il consenso, quindi ben venga lo strappo di Cristaldi e la candidatura di Lauria.

  6. Roberto ha detto:

    Lauria si è bruciato?????? Ma siete tutti degli strateghi e politologi. Quelli a bruciarvi siete voi quando vi limitate a dare giudizi sommari senza poi spendervi per la vostra Città. Bene Lauria e tutti quelli che ci mettono la faccia e le gesta da persone oneste. Lo sanno tutti che i big della politica trapanese non si pestano i piedi tra di loro al fine di garantirsi sempre quella cazzo di sedia da cui non si vogliono staccare quasi come se fossero saldati. Più che criticare Lauria, impegnatevi perchè l’attuale sistema crolli sotto il proprio peso fatto di promesse, inciuci, e forse chissà cos’altro. Senza forse!!!!!!!!!!! Svegliatevi cittadini alcamesi. Sono convinto che uno come Lauria non avrebbe permesso che quasi tutti i consiglieri comunali segnalassero i nomi dei propri parenti, più o meno stretti, per essere assunti all’AIMERI e all’AIPA.

    • educazione ha detto:

      roberto, chiacchiere da bar dicono che le due liste civiche collegate al candidato sindaco del pd si chiameranno: – AIMERI per alcamo – e – tutti insieme all AIPA-.
      boh, chissà perchè!!!!!
      mistero delle assunzioni!!!!!

  7. Roberto ha detto:

    Ciao Educazione!!!! Allora quello che si dice in giro è vero!!!!!!!!!!! o no????

    • educazione ha detto:

      io non so se è vero, ma le chiacchiere in fin dei conti nascondono sempre un pò di verità.
      la cosa che non riesco a capire è che viviamo in un territorio dove risiedono circa 60000 abitanti, di conseguenza ci conosciamo un pò tutti, molti degli assunti, se fai un pò di attenzione e li sovrapponi con le foto dei candidati delle scorse amministrative,
      corrispondono ai candidati del centro sinistra che non sono stati eletti.
      Ti immagini rivederli candidati? sarebbe uno spasso!!! WWW alcamo libera

  8. Roberto ha detto:

    In giro si parla di una vera parentopoli tra Aimeri e Aipa. Figli, nipoti, mogli di consiglieri e assessori assunti. Nessuno ne parla.

  9. il cittadino che si è rotto il c... ha detto:

    Quanta animosità nei commenti. Mi dispiace che non abbiate ancora capito che il PDL non esiste più!

    • educazione ha detto:

      se il pdl è diventato un partito estinto?, francamente a me non importa, la cosa che mi interessa è che, uomini come lauria, pirrone etc, a prescindere il colore politico, hanno finalmete tagliato il cordone ombellicale che li teneva collegati alla segreteria di partito, riscoprendo l’ascolto della volontà popolare.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>