Fibrillazioni e staticità nella politica alcamese

Pubblicato: mercoledì, 28 dicembre 2011
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Manifestazioni pro amministrazione e anche contro, cambio di assessori a pochi mesi dalle elezioni, dimissioni dell’Assessore Orlando e il tira e molla del Sen. Papania sulla sua discesa in campo: sono tutti sintomi di una grande fibrillazione da campagna elettorale. La maggioranza sta cercando i propri equilibri e la tattica giusta per sfondare anche nell’elettorato di centrodestra, anche grazie, da quanto si dice, ad accordi con Turano. Non sembrerebbe una grande fatica prendere voti nel centrodestra, vista l’assenza ingiustificata delle opposizioni che si limitano a proporre vecchie ricette, già perdenti in passato, e vecchi volti della politica alcamese. Tutto fa pensare a una vittoria sicura del “centrosinistra”, anche perché all’ orizzonte, tranne sorprese, non si vede un terzo incomodo che possa almeno scalfire la “macchina da guerra” su cui viaggiano coloro che hanno governato Alcamo dalla fine della prima repubblica ad oggi.

Alcamo, quindi, vede un’egemonia del duo Papania-Scala; non è un segnale buono per la politica alcamese perché il tutto viene ridotto ad una sola offerta politica, e non risulta positivo neanche per gli stessi, perché eccesso di potere da comportare una non crescita politica e quindi renderebbe poco appetibile la loro offerta in campo regionale e, di più, in campo nazionale.

Letto 593 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. Il Cittadino Vigile ha detto:

    Povera Città di Alcamo…Elezione Alcamo 2012,Papania,Scala e Turano insieme ?
    Allora non c’è ne bisogno di andare a votare,la Democrazia ad Alcamo è finita ?!

  2. Il cittadino dormiente ha detto:

    Ad Alcamo succede il contrario di quanto accade a Palermo, dove ogni giorno spuntano a bizzeffe nuovi candidati a sindaco, qui no. Come se tutti sapessero già come finirà.
    Non so più se sia una cosa positiva o negativa. Di certo non succederà lo stesso cosa con gli aspiranti consiglieri comunali… Ah quelli…………
    Ma tornando ai candidati sindaco c’è l’ennesimo colpo di scena. Pare che i parlamentari-senatori possano nuovamente ricoprire anche il ruolo di sindaco.
    http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=174112&sez=HOME_INITALIA

  3. massimo ha detto:

    parole saggie, bravo Eros. il conenuto di questo articolo è condiviso in toto dallo scrivente. mi permetto di aggiungere un pensiero: l’assenza della gran parte delle “opposizioni” non è da definire ingiustificata, sei troppo equilibrato, ma…. TOTALMENTE DESERTA!!! Ovviamente intesa come Rappresentanti Consiliari, nello specifico Consiglieri Comunali. Passo!

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>