Montanelli contro gli intellettuali cortigiani

Pubblicato: lunedì, 24 ottobre 2011
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Indro Montanelli non aveva peli sulla lingua, non aveva timori reverenziali e intendeva il suo lavoro di giornalista come una lotta ferma e dura contro tutti i conformismi. Teneva la schiena dritta, la sua voce era sempre fuori dal coro, non intonava peana ai più forti. Negli anni 70 sfidò frontalmente i terroristi , rischiando la vita, e oggi avrebbe denunciato pubblicamente i violenti, che hanno messo a ferro e fuoco Roma. Non amava gli intellettuali salottieri italiani, i cortigiani alla ricerca  di un Principe che li pagasse profumatamente, sapeva che il servilismo italico era inesauribile, pronto a tutto in cambio di posti di potere e di privilegi. La storia non è cambiata, anche oggi sono tantissimi i cosiddetti uomini di "cultura", parola che a Montanelli metteva  i brividi nella schiena, ad occupare poltrone ben remunerate come consulenti, consiglieri, organizzatori di eventi inutili, animatori di festival pseudoavanguardirsti, giornalisti della televisione, vengono chiamati "esperti", vestono alla moda e la sanno lunga su come scroccare  i quattrini dei cittadini inconsapevoli. Gli intellettuali cortigiani da sempre non vedono l'ora di stare alle dipendenze dell' Uomo della Provvidenza del momento, ignorano l'importanza  della libertà e dell' indipendenza,  sono i veri  cantori di tutti i regimi possibili.

Letto 407 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>