Bimbo morto a Sharm: arrivata la salma a Palermo

1918

Legale, famiglia chiede silenzio e rispetto del proprio dolore

Una foto tratta dal profilo Facebook di Rosalia Manosperti, la madre del piccolo Andrea Mirabile, il bambino di sei anni morto per cause ancora da chiarire a Sharm El Sheikh, dove era in vacanza con i genitori.
FACEBOOK/ ROSI MANOSPERTI
+++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO’ ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L’AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++

PALERMO. La salma del piccolo Andrea Mirabile, il bambino di sei anni morto a Sharm el Sheikh sabato scorso mentre era in vacanza in un resort con i genitori, è arrivata all’aeroporto Falcone Borsellino di Palermo.

PALERMO, 09 LUG – La salma del piccolo Andrea Mirabile, il bambino di sei anni morto a Sharm el Sheikh sabato scorso mentre era in vacanza in un resort con i genitori, è arrivata all’aeroporto Falcone Borsellino di Palermo. L’aereo, un volo di linea della compagnia Ita partito da Roma alle 19.25, è atterrato a Palermo alle 20.25. Ad attendere la bara del piccolo alcuni parenti e amici dei genitori. “Nell’interesse dei propri assistiti, si comunica che la famiglia ha chiesto silenzio e rispetto del proprio dolore tenuto conto della pressione mediatica che si è creata – dice l’avvocato Simone Aiello – La famiglia ritiene che qualsiasi forma di speculazione sulle cause del decesso sia prematura. Pertanto i genitori del piccolo Andrea hanno deciso di non rilasciare o far rilasciare più dichiarazioni, sino a quando non ci saranno notizie ufficiali e rilevanti, che verranno immediatamente messe a disposizione della stampa attraverso i propri legali”. I genitori sono invece arrivati ieri con un aereo-ambulanza viste le gravi condizioni di salute del padre di Andrea, Antonio. Marito e moglie si trovano attualmente in ospedale. La donna, in ginecologia perché è incinta, è in buone condizioni.
Stabile, ma ancora grave, il padre, ricoverato in Medicina. La famiglia si è sentita male venerdì scorso, forse per una intossicazione alimentare. Ma le cause della tragedia sono tutte da accertare. Indagano sia la Procura di Sharm che quella di Palermo. (ANSA).
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRetoriche in Edicola: discorso giornalistico, seminario a Erice
Articolo successivoLa “Liberty Lines” cambia i vertici