Riunione in Prefettura in vista della annuale campagna per la prevenzione ed il contrasto degli incendi boschivi

344

Il 27 aprile 2022, presso questa Prefettura, si è svolta una riunione presieduta dal Prefetto Filippina Cocuzza, al fine di pianificare, in vista dell’imminente stagione estiva, le strategie di prevenzione e gli interventi per il contrasto degli incendi boschivi e d’interfaccia.

Alla riunione hanno partecipato, anche attraverso un collegamento in videoconferenza, i rappresentanti delle amministrazioni comunali, del Libero Consorzio Comunale di Trapani, delle Forze dell’Ordine, dell’Aeronautica Militare, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, del Corpo forestale della Regione Siciliana e di tutti gli altri Enti coinvolti nella annuale campagna antincendi boschivi.

Nel corso dell’incontro sono state esaminate le principali cause da cui scaturiscono gli incendi che periodicamente, specialmente nelle giornate caratterizzate da particolari condizioni climatiche, distruggono centina di ettari di preziosa vegetazione in provincia. Al riguardo, sono state valutate le strategie più efficaci per prevenire e contrastare il fenomeno.

In particolare, il Prefetto ha richiamato la responsabile attenzione dei Sindaci, quali autorità locali di protezione civile, al costante ed attento controllo del territorio, intensificandolo nei periodi e nelle fasce orarie ad alto rischio, nonché emanando ordinanze contingibili ed urgenti per la scerbatura dei terreni incolti in area urbana, al fine di prevenire il rischio di incendi d’interfaccia.

Inoltre, è stato verificato lo stato dei piani comunali di protezione civile, con particolare riferimento alle procedure previste in caso di incendio, nonché l’aggiornamento del catasto delle aree percorse dal fuoco, quale efficace strumento di deterrenza se unito all’adozione dei dovuti divieti di pascolo.

I Sindaci e gli altri rappresentanti dei comuni della provincia hanno assicurato la pronta esecuzione di tutti i consueti interventi a tutela del patrimonio boschivo dei rispettivi territori, tra cui le ordinanze di pulizia dei terreni incolti e le relative sanzioni in caso di inottemperanza. In particolare, in questa occasione sono state condivise tra le amministrazioni alcune iniziative virtuose, già avviate con successo da alcuni comuni, che si sono rivelate particolarmente efficaci nella prevenzione del rischio di incendi boschivi. Si fa riferimento ad apposite convenzioni con l’Assessorato regionale del Territorio e dell’Ambiente e al coinvolgimento capillare delle associazioni di protezione civile e di ambientalisti, al fine di realizzare un controllo diffuso del territorio, soprattutto nelle giornate critiche in cui viene emesso l’avviso di protezione civile di massima allerta.

È stata, inoltre, rilevata la problematica della pratica, diffusa in agricoltura, di dare alle fiamme le stoppie che residuano dalla coltivazione dei campi e che costituisce una delle principali cause di incendi boschivi tutte quelle volte in cui, per le condizioni meteo, l’incendio diventa incontrollato.

 In merito a tale criticità, è stata osservata la necessità di procedere ad una regolamentazione chiara del fenomeno, sanzionando i trasgressori che, non rispettando i divieti, danno comunque alle fiamme i residui della coltivazione dei campi.

Il rappresentante del Dipartimento regionale per lo sviluppo rurale e territoriale, dott. Miceli, ha comunicato che è in corso la consueta realizzazione dei viali parafuoco e i rappresentanti dell’Aeronautica Militare hanno assicurato il prezioso contributo del Ministero della Difesa nell’ambito della annuale campagna antincendio, sia attraverso la disponibilità di mezzi aerei per le operazioni di spegnimento, sia garantendo la pronta segnalazione di incendi durante i sorvoli effettuati sulla provincia dai militari del 37 Stormo e dell’82 Centro CSAR di Birgi.

Il rappresentante del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Trapani, in conclusione, ha confermato l’impegno costante del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco nell’ambito della campagna annuale di prevenzione e contrasto degli incendi boschivi, in collaborazione col Corpo Forestale della Regione Siciliana e tutti gli altri Enti coinvolti, rappresentando che saranno garantite unità aggiuntive di personale per fronteggiare il periodo maggiormente a rischio.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteImmigrazione clandestina e contrabbando di tabacchi
Articolo successivoRiapre al pubblico il Teatro Cielo d’Alcamo