Immigrazione clandestina e contrabbando di tabacchi

392

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marsala con il supporto dei colleghi della Compagnia di Intervento Operativo del 12 Reggimento “Sicilia” hanno tratto in arresto e condotto in carcere 2 fratelli marsalesi che devono scontare la pena di 6 anni di reclusione per i reati di associazione per delinquere, immigrazione clandestina e contrabbando di tabacchi lavorati esteri.

L’ordine di esecuzione alla carcerazione, emesso dalla Procura di Palermo, è stato notificato ai 2 pescatori di 53 e 59 anni, in atto sottoposti alla misura degli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni, dai Carabinieri di Marsala a seguito dei fatti accaduti tra il 2017 ed il 2018.

L’organizzazione criminale italo-tunisina gestiva viaggi di “lusso” per migranti tra Capo Bon e le coste della Sicilia occidentale su gommoni superveloci, sui quali venivano trasportate anche sigarette di contrabbando.

I gommoni, utili al traffico di migranti e sigarette,  facevano base in un porticciolo turistico di fronte il quartiere popolare Sappusi, alla periferia di Marsala. Viaggi a basso rischio e a prezzi molto alti (fino a 3 mila euro a persona) per piccoli gruppi di extracomunitari che, arrivati sulle coste siciliane, venivano prelevati e portati in abitazioni dove potevano rifocillarsi, lavarsi e avere vestiti nuovi.

Gli arrestati terminati gli atti di rito sono stati ristretti presso il carcere di Trapani “Pietro Cerulli

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGiorgio Macaddino confermato segretario generale UilFpl Trapani
Articolo successivoRiunione in Prefettura in vista della annuale campagna per la prevenzione ed il contrasto degli incendi boschivi