“Mare Monstrum”, adesso tocca alla Vicari

1007

Le “tangenti del mare”, al via il processo del troncone principale

Di fatto quella di ieri è stata la prima udienza del processo scaturito dal troncone principale dell’indagine denominata “Mare Monstrum”, la cosiddetta “tangentopoli del mare” che, con gli arresti del maggio 2017, vide coinvolti gli armatori della Ustica Lines, poi Liberty Lines, Vittorio ed Ettore Morace. Dinanzi al Tribunale di Trapani tra i principali imputati ci sono infatti l’ex dirigente del Dipartimento regionale per la Mobilità e i Trasporti, Salvatrice Severino e l’ex sottosegretario, la senatrice palermitana Simona Vicari. L’indagine coordinata dalla Procura di Palermo e condotta dai Carabinieri del nucleo operativo del comando provinciale di Trapani, riguardò direttamente la Severino dopo che le sue presunte malefatte a proposito dei controlli sull’erogazione dei contributi regionali per i collegamenti navali veloci e della stesura dei bandi di gara, tutto a favore degli armatori Morace. Lo sviluppo delle indagini portò alle ipotesi di corruzione nei confronti dell’ex deputato regionale Girolamo Fazio (il processo è in corso oramai da qualche tempo dinanzi al Tribunale di Trapani) e anche lo stesso reato è stato contestato alla senatrice Vicari che con la Severino è imputata nel nuovo processo affidato al collegio presieduto dal giudice Daniela Troja. Tutto questo mentre gli armatori Morace sono usciti dai dibattimenti, Vittorio, ex patron del Trapani Calcio, è stato riconosciuto impossibilitato a partecipare al processo per ragioni di salute, non luogo a procedere per riconosciuta irreversibile incapacità a partecipare al processo. Ettore, suo figlio, ha patteggiato in tutte e due i tronconi processuali. Nell’udienza di ieri il Tribunale ha dato incarico al prof. Genovese, di trascrivere le intercettazioni. Nel fascicolo processuale faranno comunque ingresso alcune delle intercettazioni già trascritte e depositate nel processo dove è imputato l’ex deputato Fazio. Si tratta delle intercettazioni che riguardano un altro imputato dell’odierno dibattimento, Giuseppe Montalto, ex segretario particolare del senatore Pistorio quando quest’ultimo guidava l’assessorato regionale per le Infrastrutture e per la Mobilità durante il governo del governatore Rosario Crocetta. La prossima udienza si terrà il prossimo 6 ottobre. Primo teste sarà l’attuale dirigente della Mobilità regionale Dorotea Piazza, che prese il posto della Severino, e le cui dichiarazioni diedero il via alla indagine sulla corruzione all’interno dell’assessorato regionale, organizzata dagli armatori Morace. Una indagine inizialmente coordinata dalla Procura di Palermo, ma poi finita per competenza alla Procura di Trapani, e che nel 2017 vide finire in manette tra gli altri Ettore Morace e l’allora deputato regionale ed ex sindaco di Trapani Girolamo Fazio. Ettore Morace ha patteggiato per le accuse di corruzione in concorso con l’onorevole Fazio, condanna a 18 mesi, e ha nuovamente patteggiato per le accuse di corruzione delle quali rispondeva assieme alla senatrice Simona Vicari, a Montalto e alla dirigente della Regione Salvatrice Severino. Morace jr dovrà risarcire inoltre le parti civili, tra questi c’è l’ex dirigente Siremar Giuseppe Prestigiacomo: inviso a Ettore Morace, Prestigiacomo si vide bloccare la nomina a consulente della commissione parlamentare regionale che si occupava dei trasporti, ed in una intercettazione traspare la preoccupazione di Morace jr esternata a Giuseppe Montalto, e da questi condivisa, legata al fatto che quella nomina avrebbe potuto far saltare gli accordi illeciti intessuti all’interno dell’assessorato regionale ai Trasporti e alla Mobilità. Ettore Morace ha patteggiato queste accuse con un anno e nove mesi (pena sospesa). L’ex sottosegretario Simona Vicari è a processo per avere avuto in regalo un Rolex da Ettore Morace per avere fatto approvare un emendamento nell’ambito della legge finanziaria nazionale del 2017, che favorì la società armatoriale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIncendio in un panificio a Trapani, indagini in corso
Articolo successivoTrapani, abbandono rifiuti in strada: 17 sanzioni
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.