“Salvare Erice”, alla presidenza D’Anna sostituisce Giannitrapani

497

“Salvare Erice”, storica associazione no profit presente nel territorio da oltre venti anni, nel corso dell’assemblea che si è svolta sabato mattina, ha rinnovato il consiglio direttivo. Il presidente, l’ingegnere Luigi Giannitrapani, ha lasciato il posto a Mariza D’Anna, giornalista e scrittrice. Il nuovo direttivo è composto da Noemi Genovese, vice presidente, Luigi De Vincenzi tesoriere, Maria Scuderi segretaria, Angela Grammatico, Paola Fonte e Francesca Scalisi, consiglieri.

L’ing. Giannitrapani, che ha retto le sorti dell’Associazione onlus per oltre tre anni e contribuito in modo significativo a promuovere iniziative volte a valorizzare il borgo medievale, sarà presidente onorario, l’avv. Eugenio D’Angelo, ex presidente e Chicchi La Porta, anima del sodalizio sin dalla sua istituzioni, saranno consiglieri onorari. Inoltre l’Associazione ha allargato la sua base sociale con l’adesione di nuovi soci.

“Salvare Erice”, che da molti anni coltiva e mantiene viva un’autentica passione per la cittadina della vetta, vuole rilanciare il suo impegno e la sua attenzione per contribuire a salvaguardare il grande patrimonio storico, artistico e architettonico e promuovere iniziative culturali, artistiche, sociali e della tradizione cara al borgo, non solo nel periodo estivo ma nel corso di tutto l’anno. L’intento dell’Associazione è anche quello di mettere in campo e suggerire iniziative volte a migliorare la vivibilità e ad incentivare il turismo, tenendo costantemente aperto un dialogo con l’amministrazione comunale pro tempore, con i residenti, con i villeggianti e con le altre associazioni presenti nel territorio, convinti che la collaborazione sia la strada più proficua da percorrere.

Il premio “Cortili fioriti” che ha sempre riscosso un grande successo, sospeso a causa della pandemia e il Premio letterario “Città di Erice”, cresciuto negli anni, sono solo due delle iniziative portate avanti con successo dall’Associazione.

“La crescita culturale, intensa nel senso più ampio, come espressione di salvaguardia, di attenzione e rilancio del territorio, sarà il nostro obiettivo – ha detto Mariza D’Anna – Abbiamo in programma l’organizzazione di eventi musicali, incontri con l’autore, mostre fotografiche e pittoriche e altri appuntamenti e ci auguriamo di poterci avvalere della collaborazione di tutti coloro che credono appassionatamente in questo intento”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteEntro la fine del mese di aprile sarà riaperto al pubblico il Teatro Cielo d’Alcamo
Articolo successivoComunali: Palermo; centrodestra prova accordo su Cascio