Migranti: gommone speronato da barca libica, 3 dispersi

443

Capitaneria e Finanza impegnate nelle ricerche

Un tweet di Sos Mediterranee ITA: Oggi pomeriggio, la #OceanViking ha soccorso una barca di legno in difficoltà nella zona SAR maltese. A bordo erano stipate 93 persone, tra le quali 16 minori non accompagnati. Sono tutti al sicuro a bordo della nave e i team di @ifrc e @SOSMedItalia se ne stanno prendendo cura.
TWITTER SOS Mediterranee ITA
+++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO’ ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L’AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++ +++NO SALES; NO ARCHIVE; EDITORIAL USE ONLY+++

Cinque migranti, che viaggiavano su un gommone diretto a Lampedusa con a bordo 21 persone, sono caduti in acqua dopo essere stati speronati da un peschereccio libico.

Due sono riusciti a risalire sull’imbarcazione e tre risultano dispersi.

Sono in corso le loro ricerche da parte della Capitaneria di Porto e della Finanza. La polizia ha appena finito di sentire il migranti sopravvissuti all’incidente, riusciti poi ad arrivare a Lampedusa.

 I 18 migranti, a bordo del gommone speronato ieri sera da un peschereccio libico in acque internazionali, sono stati avvistati da una motovedetta della Guardia costiera che faceva ingresso al porto di Lampedusa dopo aver soccorso un’altra imbarcazione con 62 egiziani. I 18 extracomunitari – che sono originari di Costa d’Avorio, Guinea Conakry, Burkina Faso, Sierra Leone – hanno raccontato alla polizia di essere stati speronati involontariamente da un peschereccio libico. I migranti hanno riferito che chi guidava la loro imbarcazione virava in direzione del peschereccio per chiedere aiuto. La “carretta” si sarebbe però avvicinata troppo in fretta al mezzo dei pescatori che è stato dunque urtato lateralmente. Cinque profughi sono caduti in acqua. Due sono stati subito aiutati a risalire – raccontano i superstiti -, mentre gli altri tre sono scomparsi in mare. Dell’accaduto è stata già avvisata anche la Procura di Agrigento.

Sono una donna somala e due uomini ivoriani i dispersi dell’incidente che si è verificato fra il gommone di 4 metri e mezzo su cui viaggiavano diretti a Lampedusa e un peschereccio libico. Ad essere salvati dai compagni di viaggio sono stati invece due persone originarie di Sudan e Guinea. Fra i 18 superstiti, sbarcati a Lampedusa, ci sono anche 4 donne. Tutti hanno anche raccontato di essere partiti venerdì sera scorso da Aboukammash, in Libia. ANSA

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTentano estorsione e lo riducono in fin di vita, 3 arrestati
Articolo successivoMinacciava di lasciarsi cadere da un ponte, i Carabinieri scongiurano l’insano gesto