Calatafimi. Non rispetta il divieto di avvicinamento alla vittima

1314

I Carabinieri della Stazione di Calatafimi Segesta hanno arrestato un pregiudicato trapanese di 28 anni, in esecuzione di provvedimento restrittivo emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Trapani.

In particolare, l’uomo era sottoposto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa a seguito dell’arresto operato dai Carabinieri nel mese di agosto scorso. In quella circostanza, i militari dell’Arma avevano eseguito un intervento per la violenta aggressione ad opera del 28enne nei confronti della moglie che, per le lesioni subite, aveva dovuto far ricorso alle cure del Pronto Soccorso riportando diversi giorni di prognosi.

Incurante della misura che gli era stata imposta, il 28enne ha messo in atto reiterate violazioni continuando a contattare insistentemente l’ex coniuge con messaggi e chiamate, utilizzando allo scopo anche telefoni di terze persone.

I Carabinieri, con una costante attività di controllo, hanno prodotto elementi investigativi, pienamente condivisi dalla Autorità Giudiziaria competente, che hanno permesso l’aggravamento della misura cautelare.

Per tale motivo, al termine delle formalità di rito, il 28enne è stato ristretto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteUDC-PD-CentrAli: “Elezione di Messana importante segnale istituzionale della Giunta Surdi”
Articolo successivoCrisi idrica, grandi disagi per i cittadini. Lombardo: “Una pompa attiva, pian piano si ritornerà alla normalità”