La replica del legale della donna denunciata per violazione quarantena ad Alcamo

5274

ALCAMO.  In merito alla notizia riportata dalla nostra testate il 5 settembre, in cui i Carabinieri di Alcamo  hanno denunciato una donna alcamese 48enne e la figlia minore 15enne per l’inosservanza dei provvedimenti anti-Covid, interviene il legale della famiglia Avv. Ivan Stabile.

In replica all’articolo pubblicato dal quotidiano Alqamah, dal titolo altisonante, ove la madre e la figlia “ nonostante la quarantena, partecipano ad un matrimonio ”, ritengo doveroso apportare alcune precisazioni, al fine di porre chiarezza e veridicità sul contenuto della vicenda.

In primis, che la signora mia assistita, sottopostasi al controllo del tampone non è mai risultata positiva, tantomeno durante la partecipazione alla cerimonia era sottoposta al regime della quarantena o dell’isolamento, dunque non avrebbe potuto violare tale obbligo. Per quanto riguarda la figlia, preventivamente alla partecipazione della cerimonia, si è sottoposta al controllo di un tampone rapido antigienico, avente esito negativo. Ad ulteriore conferma, l’esito di tutti i tamponi dei commensali ed invitati alla cerimonia che sottoposti al controllo dei tamponi da parte dell’Unità Speciali di Continuità Assistenziale, sarebbero risultati negativi al coronavirus. Tengo a puntualizzare, che qualunque notizia falsa o artefatta, non rispondente al vero che lederà la serenità o comporterà un cambiamento nello stile di vita delle mie assistite, saranno passibili di querela.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl gruppo politico coordinato da Massimo Fundarò si ferma dalla costruzione di un progetto che porterebbe alla candidatura di Giusy Bosco
Articolo successivoFemminicidio nel catanese: uccide la moglie e tenta il suicidio