Salemi, concluso l’iter di ammodernamento dei 4 depuratori

395

Venuti: “Traguardo importante per la tutela dell’ambiente”

SALEMI. I quattro depuratori delle acque reflue urbane di Salemi, in provincia di Trapani, hanno ricevuto l’ok definitivo dalla Regione Siciliana. Gli impianti delle contrade Carbinarusa, Gorgazzo, Favarella e Pianto delle Donne hanno ottenuto l’autorizzazione allo sversamento delle acque reflue urbane depurate in uscita da parte del dipartimento Acqua e rifiuti dell’assessorato all’Energia e ai servizi di pubblica utilità. Il disco verde da parte degli uffici regionali è arrivato al termine di un percorso che ha visto diversi interventi di ammodernamento e messa a norma decisi e portati a termine dall’amministrazione comunale di Salemi, in collaborazione con Engie.

 “Un traguardo importantissimo per la nostra città – afferma il sindaco di Salemi, Domenico Venuti -. La depurazione delle acque reflue è uno dei problemi più urgenti in Sicilia ma non tocca Salemi, che può contare su impianti a norma ed efficienti. La tutela dell’ambiente e il rispetto dei luoghi che la natura ci ha donato – conclude Venuti – sono delle precondizioni dalle quali non si può prescindere per qualsiasi ipotesi di sviluppo”.

 Il depuratore di contrada Carbinarusa serve la zona nord-ovest della città e le frazioni di Passo Calcara, Ulmi, Sinagia, Bagnitelli, San Ciro, Petrazzi e Pusillesi. L’impianto di contrada Gorgazzo, invece, è al servizio della rete fognaria della zona sud-ovest e riguarda, anche contrada Fontanabianca e parti delle contrade San Ciro e Petrazzi. Il depuratore di contrada Favarella serve la zona sud-est della città e l’area di Vignagrande, mentre quello di Pianto delle Donne riguarda la zona di nuova espansione.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteVigili del fuoco, non solo incendi
Articolo successivoStretta sulle comunicazioni delle Procure, altro freno alla cronaca “scomoda”