PD: “Estate inoltrata e una spaventosa assenza di gestione e controllo”

368

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. “Siamo al 14 luglio, nel bel mezzo della stagione estiva 2021 e il settore, con tutti i servizi e le attività ad esso correlati, risulta ad oggi totalmente abbandonato a se stesso”. Questo l’incipit di un comunicato arrivatoci ieri a firma della Consigliera Comunale Titola Marilena e della Segreteria del Circolo del PD di Castellammare del Golfo, dal tono non certo positivo nei confronti dell’operato dell’Amministrazione guidata da Nicola Rizzo. Il comunicato continua esprimendo ulteriormente preoccupazione:

“Non possiamo che ritenerci estremamente preoccupati per questo incredibile vuoto amministrativo che si è creato anche, e soprattutto, quest’anno, in riferimento al turismo.

La vocazione turistica della nostra città, ha portato i privati ad investire ingenti somme nel settore e già oggi, ad estate inoltrata, le presenze turistiche sono numerosissime, ma a fronte di ciò, troviamo una spaventosa assenza di gestione e controllo da parte dell’Amministrazione Comunale, che ancora oggi:

– Non è stata istituita nessuna ZTL nel centro storico, Cala Marina compresa, con il risultato di avere un livello di traffico e smog continuo e insopportabile tale che, chi si trova a passeggiare o cenare per le vie del centro non può che farlo in mezzo alle auto che gli passano affianco o ai motorini che gli strombazzano intorno;

– Non è stato messo in atto un piano parcheggi ne tanto meno, ovviamente, dei bus navetta che colleghino i parcheggi con il centro storico;

– Non esiste un cartellone degli eventi estivi;

– Non esiste nessun controllo dalle ore 20 in poi, tanto che diversi quartieri del centro durante le ore serali-notturne sono in preda alla totale anarchia e a gravissimi episodi di malcostume e a volte anche di violenza in preda ai fumi dell’alcol;

– Parcheggi con strisce blu non attivi.

Ciò che rende la situazione, non più preoccupante ma allarmante, e che suscita la rabbia dei concittadini castellammaresi è che tutto questo non avviene a febbraio-marzo-aprile quando sarebbe opportuno aver già pianificato le suddette attività, ma sta succedendo adesso nel bel mezzo dell’estate che sarebbe dovuta essere quella del rilancio per l’economia turistica castellammarese.

Ebbene, questa totale assenza di programmazione degli elementari servizi essenziali per il settore turistico, non può per noi in nessun modo essere ricondotta alla crisi pandemica, se è quello a cui sta pensando l’amministratore che legge questo comunicato, poiché riteniamo che il periodo di chiusura delle attività causato dalla pandemia andava invece utilizzato dai nostri amministratori e in particolare dall’Assessore al Turismo proprio per programmare una stagione che, per chi ha investito i suoi risparmi nel settore turistico, era (dato che ormai è tardi per intervenire) quella del rilancio, dopo un 2020 da dimenticare”.