Le mani della mafie sul Recovery Fund? La trasparenza per arginare la possibilità

376

La paura è tangibile, quella che le mafie possano mettere le mani sulle risorse europee (Recovery Fund) che arriveranno ai vari Stati Europei per arginare la crisi da pandemia, che tanto ha fatto male alla vita economica e sociale degli stati europei. Abbiamo intervistato Franco Garufi del Centro Pio La Torre, che ci ha esposto la propria visione sulla questione e su quali aspetti concentrarsi per far si che le mafie non possano distogliere queste risorse dall’obiettivo finale, così che arrivino a chi è stato colpito duramente dalla pandemia e che servano per dare una svolta anche dal punto di vista infrastrutturale. Il target analizzato naturalmente riguarda il Sud e la Sicilia in particolare.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteConcorso Finzi, premiati studenti alcamesi
Articolo successivo“Trapani alza la testa!”. Mercoledì 26 Maggio la presentazione dello Sportello di solidarietà dell’Associazione Antiracket e Antiusura Trapani
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.