Covid, allarme di Confindustria Sicilia: “Nelle rsa mancano medici e infermieri”

304

PALERMO. Sono state tra i luoghi più colpiti dalla pandemia da Covid-19. E ancora il calvario delle Rsa, residenze sanitarie assistenziali, e più in generale delle strutture socio-sanitarie siciliane non è finito. Ai rilevanti problemi finanziari legati alle restrizioni imposte dalle misure di prevenzione dei contagi, si aggiunge infatti una carenza ormai tanto cronica quanto drammatica di medici e infermieri. I provvedimenti del governo nazionale varati durante l’emergenza hanno dato la possibilità alle Asl di assumere infermieri e personale socio-sanitario portando di fatto a una migrazione degli operatori dalle Rsa, pubbliche e convenzionate, verso il servizio sanitario nazionale, con la conseguenza di lasciare scoperte le imprese del comparto, mettendo in ginocchio molti territori. È per questo che Confindustria Sicilia chiede un incontro immediato alla Regione siciliana per trovare una soluzione non più rinviabile al fine di poter continuare a garantire la cura dei pazienti più fragili e degli ospiti presenti nelle strutture.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteFinisce in parità in A2 di Pallamano il Derby tra Alcamo e Enna
Articolo successivoGestione dei rifiuti, Palmeri: “La Regione emani linee guida per gli impianti privati”