Incontri di educazione civica

581

Castellammare del Golfo: percorso di conoscenza per gli studenti del Mattarella-Dolci. Ospiti due giornalisti, Lidia Tiolatta e Francesco Bellina

Presso l’istituto Mattarella-Dolci si sono tenuti due incontri a completamento delle attività didattiche di educazione civica, volti a sviluppare la competenza relativa alla lettura delle immagini e della realtà per stimolare l’acquisizione di un pensiero consapevole e critico. Viviamo in una società fortemente digitale in cui l’informazione liquida rende difficile riconoscere il vero dal falso, e in cui le immagini assumono lo status di simbolo della notizia stessa, ruolo imprescindibile della scuola è di formare cittadini consapevoli e di “crescere cittadini digitali”.

 Il primo incontro si è tenuto il 10 marzo con la giornalista di Rai 3 Lidia Tilotta dal titolo “La contronarrazione al tempo delle fake news e degli hate speech”. Il tema della conversazione ha riguardato l’importanza dell’informazione, come spesso essa venga distorta da una comunicazione strumentale che usa il web come veicolo di diffusione per seminare odio e insinuare sospetto e diffidenza.

Il 19 marzo si è tenuto il secondo incontro con il fotoreporter Francesco Bellina dal titolo “La fotografia non è solo uno scatto”: un percorso fotografico che trova le sue radici in Nigeria e nel Benin, la contronarrazione dei  migranti,  dell’Africa, degli stili di vita di popoli lontani eppure così vicini. Attraverso le immagini i migranti assumono la dimensione di uomini, le cui vite hanno una storia a volte drammatica e a volte felice, il cui epilogo si intreccia con la Sicilia dopo il lungo viaggio nel deserto e poi nel Mediterraneo.

Lidia Tilotta, giornalista, lavora alla testata regionale della Rai e conduce «Mediterraneo» (Rai 3), per il quale ha realizzato servizi e reportage dai Paesi di entrambe le sponde. Autrice con Pietro Bartolo di “Lacrime di sale. La mia storia quotidiana di medico a Lampedusa.

Francesco Bellina giovane fotoreporter  trapanese  è stato per due volte (nel 2016 e 2017) segnalato dal World Press Photo Joop Swart Masterclass. Le immagini di Bellina appaiono in continuazione su magazine di calibro internazionale, viene interpellato da organizzazioni specifiche per raccontare dei suoi viaggi, e ha pure cominciato a esporre: come il trittico visto all’ultima Biennale Internazionale di Arte Sacra di Palermo, o Tanakra, la personale allestita durante Manifesta all’interno del Festival Sabir, tenutosi ai Cantieri Culturali della Zisa.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteNon basta un buon primo tempo alla TH Alcamo per avere la meglio sulla capolista Noci
Articolo successivoApprovata Delibera riguardante i progetti di utilità collettiva rivolti a coloro che percepiscono il Reddito di Cittadinanza