Castellammare, antichi granai nel degrado. Pericolo crollo per alcune coperture

1162

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Alcuni degli antichi granai di corso Garibaldi, in particolare i due della parte bassa, si trovano in uno stato di degrado. Infatti le due coperture in ferro che chiudono le bocche di accesso delle antiche fosse granarie, a causa dell’acqua piovana che ristagna sulle coperture, oggi versano in cattive condizioni: la ruggine ha infatti creato parecchi buchi che rischiano di provocare cedimenti. La paura per i cittadini e per le attività commerciali della strada è rivolta soprattutto ai bambini che spesso si trovano a giocare in prossimità dei granai, soprattutto nel periodo estivo quando la zona pedonale si anima di persone. “Abbiamo fatto diverse segnalazioni al Comune, anche via Pec. Nei giorni scorsi sono venuti a fare un sopralluogo anche gli agenti della Polizia Municipale, ma ancora non sappiamo se verranno presi provvedimenti. Una delle coperture, più delle altre, rischia di cedere da un momento all’altro” – spiega un cittadino ad Alqamah.it.

Inoltre questo problema si aggiunge a quello già sollevato dal nostro giornale mesi fa, ovvero la totale assenza della segnaletica esplicativa che inizialmente era stata collocata in prossimità delle fosse granarie. La segnaletica in questione, da oltre un anno, è totalmente assente, lasciando nell’anonimato le antiche fosse granarie. Oggi si aggiunge il pericolo di crollo per alcune delle coperture in ferro.

Castellammare e gli antichi granai “dimenticati”, mancano i cartelli esplicativi

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSequestro di beni per Giambalvo VIDEO
Articolo successivoIl Comune di Erice ha aderito alla Prima giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia da coronavirus
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.