Buoni spesa percepiti illecitamente, 6 denunce tra Salaparuta e Poggioreale

524

I Carabinieri delle Stazioni di Salaparuta e Poggioreale con il supporto del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Trapani, hanno condotto una serie di mirati controlli volti a verificare l’eventuale presenza di autocertificazioni mendaci tra le istanze di accesso alle misure economiche a sostegno dell’emergenza socio-sanitaria da Covid-19, che hanno permesso di deferire in stato di libertà 6 soggetti poiché ritenuti responsabili dei reati di truffa aggravata e falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico.

Si tratta di quattro uomini e due donne, residenti nei comuni di Poggioreale e Salaparuta, di età compresa tra i 63 e i 28 anni.

In particolare, i soggetti denunciati avevano ottenuto buoni spesa di importi variabili tra i 300,00 e gli 800,00 euro ciascuno, destinati a persone indigenti che non percepivano alcuna altra forma di reddito o di altre forme di assistenza economica da parte dello Stato, compresi ammortizzatori sociali e reddito di cittadinanza.

Grazie agli accertamenti eseguiti dai Carabinieri, è emerso che queste persone avevano  volutamente omesso di dichiarare di essere già beneficiari della misura di sostegno statale del “reddito di emergenza”, in modo da poter attestare – falsamente – di far parte della categoria di persone cui erano destinati questi aiuti economici erogati dalla Ragione Siciliana e dalla Protezione Civile.

Il presente risultato operativo è frutto della costante attività di verifica svolta dai militari dell’Arma affinché i ristori economici siano destinati a coloro che ne hanno effettivo diritto e bisogno.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“La città ha bisogno di nuova linfa… l’estate sta arrivando”
Articolo successivoClean-up sulle spiagge Alcamesi, operazione “Spiagge pulite”