“La città ha bisogno di nuova linfa… l’estate sta arrivando”

624

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. “Ogni anno, con l’estate alle porte, ascoltiamo il ritornello della programmazione estiva e degli eventi che sono in cantiere per contribuire ad aumentare l’attrattività del nostro paese. Ogni anno si chiede di disegnare una strategia per la città ed il suo golfo, si imbandiscono spesso tavoli tecnici, con pochi tecnici del settore, e si giunge ad un programma improvvisato e poco originale che viene presentato a ridosso dell’estate e che di fatto diviene difficilmente pubblicizzabile fuori dal nostro territorio”. È quando si legge in una nota congiunta del movimento “Cambiamenti” e “Cantiere Popolare”.

“Lo scorso anno, in data 6 marzo, la pandemia da covid 19 aveva comportato la completa sovversione delle modalità del vivere sociale al punto che pensare ad una programmazione estiva con eventi ed attività normalmente fruibili risultava difficile e complessa. Proprio per tale ragione gli sforzi, l’ingegno e le risorse da impiegare in modo intelligente ed incisivo dovevano sicuramente essere superiori, soprattutto in ragione della riduzione dei contagi avvenuta nelle mensilità immediatamente precedenti all’estate. Lo scenario – sottolineano nella nota congiunta i due coordinatori – odierno è significativamente differente. La campagna vaccinale procede in modo programmatico rappresentando di fatto la luce alla fine del tunnel ma è necessario e doveroso mantenere alta la guardia. Un’amministrazione attenta incrementerebbe gli sforzi e le risorse investite nel turismo per far fronte ad ogni possibile peggioramento o miglioramento cagionato dalla pandemia, affidandosi ad esperti del settore e stilando per tempo una strategia ed una programmazione che permetta di convivere con il virus e di organizzare attività, eventi nel pieno rispetto delle regole.

Crediamo – aggiungono – che sarebbe opportuno privilegiare attività in spazi ampi che il nostro territorio possiede come per esempio piazza Petrolo, spesso abbandonata a se stessa e ravvivata da iniziative di privati cittadini e commercianti; rivalutare la spiaggia Playa con l’istituzione di un adeguato percorso pedonale; definire in modo serio e normato una carta dei servizi relativa alla fruizione dei percorsi naturalistici di Monte Inici, che questa amministrazione ha dichiarato di possedere in ragione di una convenzione stabilita con associazioni di settore; valutare in modo deciso ed incisivo la possibilità di istituire la ZTL in centro storico e non applicare esclusivamente una cartellonistica che, lo scorso anno, imponeva limitazioni non attive; provvedere ad incrementare il sistema di controllo e di attività dei vigili urbani al fine di prevenire assembramenti, far rispettare l’uso della mascherina ed impedire il parcheggio selvaggio.

Sono piccoli spunti che da cittadini, prima ancora che da politici, interessati al successo turistico ed alla vivibilità del nostro paese ci sentiamo di porre all’attenzione della cittadinanza e dell’amministrazione e che, speriamo, possano essere da pungolo per scuotere le coscienze ed incrementare l’attenzione e l’operatività dell’amministrazione sul presente e sul futuro della nostra cittadina. La città – sottolineano – ha bisogno di nuova linfa… l’estate sta arrivando. Ogni anno, con l’estate alle porte, ascoltiamo il ritornello della programmazione estiva e degli eventi che sono in cantiere per contribuire ad aumentare l’attrattività del nostro paese. Ogni anno si chiede di disegnare una strategia per la città ed il suo golfo, si imbandiscono spesso tavoli tecnici, con pochi tecnici del settore, e si giunge ad un programma improvvisato e poco originale che viene presentato a ridosso dell’estate e che di fatto diviene difficilmente pubblicizzabile fuori dal nostro territorio. Lo scorso anno, in data 6 marzo, la pandemia da covid 19 – affermano – aveva comportato la completa sovversione delle modalità del vivere sociale al punto che pensare ad una programmazione estiva con eventi ed attività normalmente fruibili risultava difficile e complessa. Proprio per tale ragione gli sforzi, l’ingegno e le risorse da impiegare in modo intelligente ed incisivo dovevano sicuramente essere superiori, soprattutto in ragione della riduzione dei contagi avvenuta nelle mensilità immediatamente precedenti all’estate.

Lo scenario odierno è significativamente differente. La campagna vaccinale procede in modo programmatico rappresentando di fatto la luce alla fine del tunnel ma è necessario e doveroso mantenere alta la guardia.

Un’amministrazione attenta incrementerebbe gli sforzi e le risorse investite nel turismo per far fronte ad ogni possibile peggioramento o miglioramento cagionato dalla pandemia, affidandosi ad esperti del settore e stilando per tempo una strategia ed una programmazione che permetta di convivere con il virus e di organizzare attività, eventi nel pieno rispetto delle regole. Crediamo che sarebbe opportuno privilegiare attività in spazi ampi che il nostro territorio possiede come per esempio piazza Petrolo, spesso abbandonata a se stessa e ravvivata da iniziative di privati cittadini e commercianti; rivalutare la spiaggia Playa con l’istituzione di un adeguato percorso pedonale; definire in modo serio e normato una carta dei servizi relativa alla fruizione dei percorsi naturalistici di Monte Inici, che questa amministrazione ha dichiarato di possedere in ragione di una convenzione stabilita con associazioni di settore; valutare in modo deciso ed incisivo la possibilità di istituire la ZTL in centro storico e non applicare esclusivamente una cartellonistica che, lo scorso anno, imponeva limitazioni non attive; provvedere ad incrementare il sistema di controllo e di attività dei vigili urbani al fine di prevenire assembramenti, far rispettare l’uso della mascherina ed impedire il parcheggio selvaggio.

Sono piccoli spunti – concludono – che da cittadini, prima ancora che da politici, interessati al successo turistico ed alla vivibilità del nostro paese ci sentiamo di porre all’attenzione della cittadinanza e dell’amministrazione e che, speriamo, possano essere da pungolo per scuotere le coscienze ed incrementare l’attenzione e l’operatività dell’amministrazione sul presente e sul futuro della nostra cittadina”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteI segni di Venere a Erice: unico database dove far convergere storie di donne, imprenditrici e artigiane, e professioniste
Articolo successivoBuoni spesa percepiti illecitamente, 6 denunce tra Salaparuta e Poggioreale