Regione, Catanzaro: “Nella Finanziaria neanche un euro per politiche giovanili”. Parere negativo da Commissione Ars

378

PALERMO. “I giovani sono il futuro, ma per loro Musumeci non ha trovato risorse. Nella manovra finanziaria all’esame dell’Ars infatti il governo non ha previsto fondi per la legge regionale sulle politiche giovanili”. Lo dice Michele Catanzaro, parlamentare regionale PD e promotore della legge regionale sulle politiche giovanili, che sottolinea come il capitolo di bilancio collegato a questa legge sia “clamorosamente vuoto”.

“Da tre anni Musumeci si rivolge ai giovani promettendo mari e monti – aggiunge Catanzaro – invitandoli a non lasciare la Sicilia e ad impegnarsi con creatività nei programmi di imprenditorialità giovanile. E poi che fa? Li lascia senza soldi”. “Servono risorse reali per attivare idee e progetti – prosegue Catanzaro – ai quali fare seguire quei processi di autoimprenditorialità che genererebbero sviluppo e lavoro. Invitiamo Musumeci a colmare immediatamente la clamorosa e grave amnesia, prevedendo le giuste risorse nel capitolo che finanzia le legge sulle politiche giovanili”.

Da commissione Ars parere negativo alla Finanziaria

“La commissione Affari istituzionali dell’Ars ha dato parere negativo alla manovra economica presentata dal governo regionale nella quale mancano misure sufficienti a rispondere alle reali esigenze dei cittadini, dei lavoratori e dei Comuni siciliani”. Lo dicono il capogruppo Giuseppe Lupo ed il parlamentare regionale del PD Antonello Cracolici, componenti della commissione Affari istituzionali dell’Ars dove ieri sera è stato dato parere negativo alle parti di merito dei disegni di legge di Bilancio e di Stabilità. Al momento del voto, oltre ai rappresentanti dell’opposizione erano presenti in commissione solo due esponenti della maggioranza.

Dopo il passaggio dalle commissioni di merito, l’Iter parlamentare della manovra prosegue dalla prossima settimana in commissione Bilancio, poi l’esame in Aula.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteUccise un 48enne, Cassazione annulla con rinvio sentenza
Articolo successivoGrillo incontra i giovani ambientalisti