Uccise un 48enne, Cassazione annulla con rinvio sentenza

594

Bocciata decisione esclusione omicidio volontario

La quarta sezione della corte di Cassazione ha annullato, con rinvio a diversa sezione della corte d’assise d’appello di Palermo, la sentenza con cui, il 19 marzo dello scorso anno, il tunisino Mohamed Ben Mariem, 40 anni, venne condannato a 2 anni e 2 mesi di carcere per eccesso colposo di legittima difesa. Il processo è relativo all’uccisione di Maurizio Fontana, 48 anni, che la sera del 9 gennaio 2018, a Pantelleria, morì accoltellato da Ben Mariem.Il 13 marzo 2019, il nordafricano era stato condannato, per omicidio volontario, a 11 anni di carcere dal gup di Marsala. Nonostante lo stesso pm, Antonella Trainito, avesse derubricato l’accusa in eccesso colposo di legittima difesa, chiedendo una condanna a due anni di reclusione. E i giudici di secondo accolsero questa tesi, ordinando l’immediata liberazione di Ben Mariem. Il nordafricano, infatti, avrebbe reagito a un’aggressione. Fontana, deceduto qualche ora dopo al pronto soccorso dell’isola, lo avrebbe prima colpito in testa con una bottiglia di vetro.

fonte blogsicilia.it

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSequestro di prodotti recanti marchi contraffatti
Articolo successivoRegione, Catanzaro: “Nella Finanziaria neanche un euro per politiche giovanili”. Parere negativo da Commissione Ars