E Pidone convocò il poliziotto

12596

Blitz “Ruina”: c’è una intercettazione di tre giorni addietro dove il capo clan Pidone chiede notizie del detenuto castellammarese Sabella, ad un agente del carcere Pagliarelli

L’intercettazione è recentissima. E’ del 13 dicembre scorso. Inguaia un poliziotto della penitenziaria, Vincenzo Ruggirello, calatafimese, in servizio al carcere Pagliarelli di Palermo. E’ per questo indagato per rivelazione di segreti. Il capo del clan di Calatafimi, Nicolò Pidone lo conosce bene, lo convoca così nella sua masseria, vuole notizie su un castellammarese detenuto al Pagliarelli, Antonino Sabella. Sabella è uno degli arrestati nel corso di un altro blitz antimafia, l’operazione “Cutrara” condotta dai Carabinieri. La cosca ha saputo che Sabella dopo la notifica dell’avviso di conclusioni delle indagini, ha chiesto di essere sentito. La paura è che abbia deciso di collaborare con la giustizia. Sabella è stato arrestato proprio per via di alcune faccende nelle quali Pidone era interessato e coinvolto. Il 13 dicembre 2020 così Ruggirello si ritrova al cospetto di Pidone, presente una terza persona, Nicolò Gucciardo che con Ruggirello aveva una controversia e così avevano deciso di rivolgersi a Pidone. La scusa buona per il capo clan di far arrivare nella sua masseria l’agente della penitenziaria.

PIDONE :-…a quello di Castellammare … l’hai visto?

RUGGIRELLO:- … non l’ho visto …

PIDONE :-… ma è all’isolamento messo … com’è?…SABELLA …

RUGGIRELLO:- … SABELLA?…

PIDONE :-… uhm …

RUGGIRELLO:- … no … non l’ho  vedere … è al .

PIDONE :-… là è … la moglie sa che è in una cella di transito … una

cella di transito c’è?…

RUGGIRELLO:- … si ci sono … al Sud sono..

PIDONE :-… nella cella al Sud …

RUGGIRELLO:- … gli arriva … destinazione …

PIDONE :-… lo tengono là … che è da cinque … sei mesi…

RUGGIRELLO:- … perché deve essere trasferito …

PIDONE :-… dico … no che a questo lo hanno messo lì perché ha

nominato qualcuno?. lo hanno mandato … magari parlava … dice di … qualcuno di

noi … picchì iddu si fira … minchia.! …

RUGGIRELLO:- … non lo so …

PIDONE :-… se l’hanno portato …

Ma l’interesse di Pidone in quella occasione fu dedicata anche ad un altro castellammarese, Salvatore Mercadante, anche lui arrestato per mafia nel blitz “Cutrara”.

RUGGIRELLO:- … eh … minchia … ci sono stati pure … quello è una cosa

inutile … inc … qualche paio di mesi … u cosa ddrà …

MERCADANTE … (bisbiglia)

PIDONE :-… eh?… pure lì è? …

RUGGIRELLO:- … no … è partito …

Nella masseria di Pidone il clan era solito incontrarsi, nonostante le preoccupazioni nutrite da alcuni sulla possibilità di essere ascoltati dalle forze dell’ordine. Ma lro si davano poi per certi che non c’era nessuno a sentirli, ma sbagliavano di grosso.

FANARA: cunsumati semo…

UOMO: eh …

… omissis …

FANARA: speriamo che non c’è nessuno là sopra

UOMO: ah?…

FANARA: speriamo che non c’è nessuno là sopra? …

UOMO: ma chi ci deve essere … non c’è niente …

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa campagna elettorale di Accardo
Articolo successivoSorpresi dai Carabinieri mentre bruciano rifiuti: due arresti
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.