Sindaca Toscano e Assessore Di Marco: “Necessari screening nelle scuole, nei quartieri popolari e nelle frazioni”

301

ERICE. A seguito delle due campagne di screening della popolazione ericina tenute in modalità drive-in a piazza Pertini (weekend 14-15 e 21-22 novembre), l’Amministrazione comunale intende ringraziare l’Azienda Sanitaria Provinciale di Trapani, promotrice dell’evento su indicazione dell’Assessorato regionale alla Salute. Il Comune di Erice ha collaborato mettendo a disposizione supporto nelle operazioni di viabilità e di assistenza tramite la Polizia Municipale e i Volontari delle associazioni di Protezione Civile. Durante le due campagne di screening, si ricorda, sono stati effettuati complessivamente 3131 tamponi rapidi ed individuati 30 nuovi positivi al virus Sars-Cov-2. “Desideriamo ringraziare un’altra volta l’Azienda Sanitaria Provinciale, unitamente al personale medico e paramedico, ai volontari e agli agenti della Polizia municipale, per aver posto in essere queste attività di screening della popolazione – commentano la sindaca, Daniela Toscano, e l’assessore con delega ad igiene, sanità, Polizia municipale e Protezione civile, Vincenzo Giuseppe Di Marco -. Il Comune di Erice ha supportato le iniziative che hanno avuto una buona risposta da parte della cittadinanza. Riteniamo tuttavia che esse possano essere incrementate da altre campagne di screening da dedicare, come già richiesto alla stessa Asp, alle scuole (magari da svolgere nelle immediate vicinanze alle stesse), ai quartieri popolari e alle frazioni, così da estendere nella maniera più capillare possibile l’attività di monitoraggio della popolazione, finalizzata al contenimento del contagio. Il Comune di Erice, naturalmente, non farà mancare la propria collaborazione e la presenza attiva al fine di salvaguardare la salute della nostra comunità”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGenitori preoccupati per casi positivi in scuola, “Codici” chiede screening collettivo di alunni e docenti
Articolo successivo“Una futura generazione migliore”