Giro d’Italia, il ciclismo internazionale passa da Alcamo

5958

Il Giro d’Italia è una delle manifestazioni di ciclismo più importanti nel panorama sportivo nazionale ed internazionale, ospitare la partenza di una tappa e partecipare alle iniziative promozionali correlate è motivo di sicuro prestigio e richiamo turistico, vuol dire proiettare la Città su uno scenario nazionale ed internazionale, promuovendo le peculiarità culturali, paesaggistiche, e socio-economiche.

Dichiarano congiuntamente il Sindaco Domenico Surdi e l’assessore alla cultura e al turismo, Lorella Di Giovanni “siamo orgogliosi che la nostra Città sia stata scelta quale località della partenza della 2° tappa della 103° edizione del Giro d’Italia, Alcamo-Agrigento, in programma domenica 04 ottobre 2020. Abbiamo allestito un programma che inizia giovedì 1^ Ottobre e termina domenica 4 quando ci sarà il passaggio del Giro d’Italia. Lavoriamo da settimane perché la Città sia pronta a quest’evento di grandissima importanza, di visibilità nazionale ed internazionale e naturalmente opportunità di promozione turistica e di sviluppo economico. Il programma (in allegato) prevede svariati appuntamenti culturali, musica, la collaborazione con la CICERONE TOUR che organizza alcune visite guidate per Alcamo; l’allestimento di gazebo promozionali del ciclismo; inoltre, abbiamo previsto servizio un bus navetta per il 4 ottobre a partire dallo stadio Catella; stand espositivi ed altro ancora.

E’ motivo di orgoglio per noi sapere che il nostro territorio vanta un gran numero di praticanti ed appassionati di ciclismo, il coinvolgimento diretto della Città in una gara così importante sarà utile per diffondere la passione per la pratica di tale disciplina sportiva, soprattutto a livello giovanile.

Vogliamo che tutta la Città sia coinvolta nella manifestazione che attira l’attenzione di appassionati di tutto il mondo, ma vogliamo altresì che la manifestazione si svolga nel rispetto delle regole Anticovid”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa Libertà che ancora non c’è VIDEO
Articolo successivoLa sirena