Rifiuti e mazzette, in manette anche un alto funzionario della Rap

944

In manette Vincenzo Bonanno, coordinatore di gestione della discarica di Bellolampo, l’imprenditore Emanuele Gaetano Caruso e Daniela Pisasale, rappresentante Rem srl e amministratore unico Ecoambiente Italia srl. Questi sono protagonisti di un’indagine della Direzione Investigativa Antimafia

La Dia assiste in diretta alla consegna di una tangente, ma non è l’unico caso dell’indagine su rifiuti e mazzette nella vicenda che ha coinvolto Vincenzo Bonanno, coordinatore di gestione della discarica di Bellolampo, l’imprenditore Emanuele Gaetano Caruso e Daniela Pisasale, rappresentante Rem srl e amministratore unico Ecoambiente Italia srl. L’accusa è di corruzione aggravata.

A far scattare l’azione degli investigatori, sotto il coordinamento del reparto Investigazioni giudiziarie e d’intesa con la Procura distrettuale antimafia, la visione di Caruso che consegnava una busta contenente 5 mila euro al dirigente Bonanno.

Dopodiché veniva perquisita un’autovettura al cui interno venivano trovati altri 13.250 euro. L’unico aspetto ancora non svelato è il coinvolgimento della Pisasale, che con la Ecoambiente Italia srl, con sede a Siracusa, fino maggio dello scorso anno si era occupata del trattamento dei rifiuti proprio all’interno di Bellolampo, discarica definita dalla commissione regionale Antimafia “simbolo della crisi rifiuti in Sicilia”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMessa in sicurezza di un edificio ad Alcamo Marina. Interrogazione di Sucameli.
Articolo successivoCimiteri e erbacce VIDEO