La dichiarazione di Tranchida

563

“Dimostrerò la liceità del mio operato nè ho indotto mai alcuno a violare le leggi”

Il sindaco di Trapani Giacomo Tranchida rispetto alla notizia da noi pubblicata oggi pomeriggio in apertura del giornale, ci ha fatto pervenire una sua dichiarazione che di seguito pubblichiamo.

In tarda mattinata mi è stato notificato dalla GdF un avviso di conclusione delle indagini e contestale avviso di garanzia.
La Procura della Repubblica mi contesta due presunte ipotesi di reato: falso ideologico e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente.
I presunti fatti – ipotesi reato s’inquadrano in una più generale e annosa “questione meridionale” che di recente, come nel passato (mi piacerebbe dire che non si debba più ripetere nel futuro) ha visto protagonisti tutti i comuni siciliani – Trapani compreso – che si sono dovuti occupare del fenomeno del precariato; fenomeno tutto siciliano ereditato in virtù di leggi regionali e nazionali circa il regime di aiuti ai disoccupati sin dagli inizi degli anni ‘70. Nel pieno ed assoluto rispetto delle procedure e delle leggi, finalmente in Sicilia e nei Comuni è stata avviata la fase della stabilizzazione, in molti casi graduale, dei precari storici. Tale stabilizzazione è stata prima di tutto una risposta al sacrosanto diritto al lavoro e la realizzazione di un principio di giustizia sociale per migliaia di famiglie e di lavoratori che per decenni sono state sfruttati e tenuti sotto scacco dalla stessa regione ma anche dagli enti locali.
Sulla pelle dei precari si è, soprattutto a livello regionale, com’è noto costruito il consenso elettorale. Non va però taciuto che sui precari, stabilizzati o in attesa di stabilizzazione, si fonda oggi la quasi totalità della forza lavoro degli enti locali.
Nel merito della vicenda giudiziaria, quest’ultima s’interessa al caso di due lavoratori precari del comune di Favignana, provenienti dal comune di Erice. Orbene, non mi sarà difficile dimostrare nelle opportune sedi la liceità del mio operato; dopo tutto nella mia storia politico – amministrativa ho sottoscritto, al pari di altri sindaci, centinaia se non svariate migliaia di atti legittimi, diversamente non si spiegherebbe la mia specchiata fedina penale. Nel corso della mia lunga carriera amministrativa – da molti miei avversari politici invidiata – non ho mai indotto alcuno ad adottare presunte procedure non conformi a legge. Continuerò la mia azione amministrativa con più forza, determinazione e passione al sol fine di migliorare la città di Trapani e la qualità della vita dei suoi cittadini che con la Giunta mi onoro di servire; per il sottoscritto la Politica è stata sempre passione impegno ed essere al servizio delle comunità.
Ho sempre avuto fiducia nell’operato della magistratura, sia quella inquirente che quella giudicante, ed affronterò con assoluta serenità la vicenda giudiziaria, certo – come sono – che l’esito riconoscerà la bontà e la legittimità del mio operato.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMisura revocata, misura confermata, inchiesta finita
Articolo successivoFratelli d’Italia: ok ZTL, ma non così e “inadeguatezza dell’Assessore alla Viabilità Vincenzo Abate”