Il PD non può stare in una “maggioranza quasi totalmente composta e supportata dalla destra”

1032

Il Partito Democratico di Castellammare del Golfo attraverso un comunicato pone dei paletti e risponde all’ormai ex piddina Maria Tesé, assessore nella Giunta Rizzo

Un comunicato che certo non lascia spazio ad interpretazioni, la cui sintesi potrebbe essere: no all’Amministrazione Rizzo a maggioranza di destra. Infatti in una riunione del Circolo è stato approvato un indirizzo:
“Considerato che l’attuale maggioranza è quasi totalmente composta e supportata da rappresentanti di partiti e movimenti di destra quali Diventerà Bellissima, Forza Italia e Oltre, storicamente distanti per storia e tradizione dal Partito Democratico, e considerata la grave e imbarazzante accusa rivolta al Sindaco Nicolò Rizzo, si chiede il posizionamento del PD all’opposizione e la fuoriuscita dei rappresentanti del Partito Democratico dalla maggioranza a sostegno dell’attuale Amministrazione Comunale.”

Naturalmente comi ci si aspettava, nello stesso, si risponde al comunicato molto critico dell’Assessore Maria Tesé, che certo non è stata benevola nei confronti dell’ormai suo ex partito. Una risposta altrettanto dura, infatti si giudica il comunicato della Tesé  “squallido, offensivo e, nei contenuti, del tutto infondato” e in più “corre l’obbligo di ricordare che, a scanso di ipocrisie ed ambiguità, la predetta, sin dall’insediamento del nuovo segretario e degli organi di partito, non è MAI STATA PRESENTE nei luoghi, e nei momenti deputati alla discussione interna al partito, sottraendosi sempre al confronto democratico”.

“Al contrario – continua il PD – se fosse stata presente, avrebbe potuto portare a conoscenza di tutto il circolo il proprio punto di vista, anziché affidare le sue posizioni soltanto ai mezzi della stampa.
Se è vero che, per libera scelta, la Tesè si è candidata con il Sindaco Rizzo nella Lista Oltre, unitamente ad una maggioranza composta da Diventerà Bellissima e da Forza Italia, non si capisce perché il Partito Democratico avrebbe dovuto far parte dell’attuale coalizione dopo il suo tesseramento. Fra l’altro, quest’ultima richiesta non è mai pervenuta agli organi di partito”.

“Anche per tale motivo – sempre il PD -, rispediamo al mittente l’affermazione che parla di “un partito niente affatto democratico”, avendo la stessa Tesè ripetutamente svilito con la sua assenza i numerosi momenti di confronto democratico interno avvenuti nelle ultime settimane”.

“Chi ha lanciato gratuitamente offese a tutte le sensibilità interne al partito, dai nuovi tesserati, ai tesserati di lunga permanenza, alle persone mature, parlando di “demenza ideologica o forse senile”, ha perso l’occasione per mettere in mostra la propria signorilità – conclude il PD -, dimostrando di aver ben acquisito le modalità politiche e di linguaggio tipiche delle destre. Siamo quindi convinti e certi che all’interno del nuovo percorso intrapreso dal Partito queste fosche visioni politiche non possano dare alcun contributo”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Non c’è nulla da discutere”
Articolo successivoAltri 2,1 miliardi da ripartire tra i comuni