Aggiornamento del PAI a Castellammare, le precisazioni dell’associazione ACTIO

809

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. L’associazione dei tecnici e liberi professionisti di Castellammare del Golfo ACTIO, presieduta dal geologo Giacomo Galante, in una nota, chiarisce su quanto affermato dal Sindaco Nicola Rizzo in un video messaggio sul suo profilo Facebook in merito alla vicenda del PAI.

“Dalla videoconferenza del sindaco apprendiamo che rispetto alle previsioni di aggiornamento del PAI ha intenzione di attivarsi in coerenza con le nostre proposte e quindi condivisibili, attribuendosene però la piena paternità, senza riconoscere il notevole contributo in merito fornito da ACTIO. Allo stesso tempo, – spiegano dall’Associazione ACTIO – non accettiamo alcune critiche mosse alla nostra associazione, accusata addirittura di non operatività. Non ci saremmo mai aspettati questa caduta di stile, attraverso una videoconferenza senza contraddittorio, ma reagiamo animati da senso di responsabilità e in modo sportivo, offriamo un ulteriore assist al sindaco e, così come abbiamo contribuito in modo sostanziale alla risoluzione della problematica relativa all’analisi cumulativa degli impatti in aree SIC e ZPS, allo stesso modo, continueremo con spirito costruttivo a dare il nostro contributo in merito al PAI, nel solo interesse del Paese, inteso come sistema unico e coeso non lacerato da divisioni e posizioni preconcette. Non abbiamo interesse a ricercare un colpevole, o meglio un responsabile, ma a risolvere i problemi. La nostra proposta, – concludono – in sintesi, è quella di procedere alla revisione e modifica delle cartografie allegate al predetto Decreto di adozione delle previsioni di aggiornamento P.A.I. avvalendosi di una adeguata figura professionale di comprovata esperienza nel campo dello studio dei fenomeni di crollo a cui conferire un incarico di consulenza per tutto il territorio comunale”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteBar/pasticcerie di Alcamo e Castellammare: la ripartenza tra dubbi e incertezze: “Ma non ci arrendiamo”
Articolo successivo40 anni dopo la marcia allo Zingaro