Da Calatafimi l’iniziativa “amunì resta a casa ti diamo una mano noi” per anziani e per chi proviene dalle “zone rosse”

1236

CALATAFIMI SEGESTA. A Calatafimi Segesta è partita l’iniziativa “Amunì resta a casa ti diamo una mano noi” da parte dell’Associazione di promozione sociale “Amunì Calatafimi”. L’azione promossa ha l’obbiettivo di invitare la cittadinanza di calatafimi a rimanere in casa il più possibile, soprattuto gli over 60 con patologie e naturalmente per chi proviene dalla zone a rischio o è stato a contatto con persone positive al virus o in quarantena. Ecco il comunicato dell’Associazione Amunì:

“Il problema coronavirus ci sta chiedendo di modificare le nostre abitudini per evitare un contagio di massa che potrebbe paralizzare il nostro sistema sanitario con gravi conseguenze sulla mortalità della nostra popolazione. La fascia più a rischio – spiegano dall’associazione – è quella degli over 60 soprattutto con patologie. La cosa migliore attualmente è quella di rimanere in casa, soprattutto per questa fascia di età e per chi soggetto a patologie. Per dare una mano in questo momento critico abbiamo deciso di renderci disponibili per tutti gli over 60 con parenti lontani e per chi in isolamento volontario all’interno della Città di Calatafimi Segesta per i seguenti servizi gratuiti: Spesa a domicilio; Farmacia a domicilio; Commissioni di prima necessità.”

“Come funziona l’iniziativa: Chiama o manda un messaggio whatsapp al 334 9770163; Comunica di cosa hai bisogno; Prenderanno tutte le precauzioni del caso come indossare guanti o qualora necessario mascherine; Faranno per te la spesa al supermercato o in farmacia o commissioni di prima necessità; Per evitare il contatto ti chiameranno subito prima della consegna comunicando l’importo speso e chiedendoti di aprire la porta per lasciare la spesa all’ingresso senza quindi venire a contatto con loro”.

Tutti i volontari sono donne e uomini calatafimesi dai 20 ai 40 anni non venuti a contatto con nessuno positivo e non provenienti da zone a rischio. “Per garantire la loro e la vostra sicurezza viene ribadito che prenderanno tutte le precauzioni del caso” – concludono dall’associazione “Amunì Calatafimi”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRevoca convocazione consiglio comunale per le sedute del 9 e 11 marzo 2020
Articolo successivoCatanzaro (PD): “Personale Comuni impegnato in emergenza sanitaria rischia di non rispettare scadenza Bandi comunitari, Governo chieda proroga”